Working Sheet: perseverare è diabolico

Nessuno tra me ed i miei colleghi avrebbe mai immaginato che il “Working Sheet” (organizzazione e programmazione del lavoro aziendale con colloqui di gruppo e personali) diventasse una così grande rottura di palle.
I primi incontri, cui tutti dal magazziniere al Direttore del personale partecipano, potevano avere anche una parvenza di interesse, che poi però è definitivamente tramontato per lasciar posto allo scoramento ed a un gigantesco smarronamento generale. Incredibile poi che ad un recente incontro con una multinazionale giapponese (famosi per la produttività lavorativa) sia stato ribadito che la loro casa madre riduce al minimo il numero di incontri e riunioni, le quali sono inoltre molto brevi e svolte “in piedi”.
Noi invece facciamo almeno un incontro di WS al mese, se sono di gruppo durano 3/4 ore se personali almeno un’oretta, e lo viviamo ormai come fosse una penitenza per qualche peccato commesso in una vita precedente.

cagata.jpg

L’opinione generale riguardo il “Working Sheet” è sintetizzabile con 4 semplici parole.

Questa voce è stata pubblicata in blog life e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...