A momenti mi fregano

La elezione del rappresentante di classe scolastico sembrava una formalità: Michela (mamma di uno dei compagni di uno dei miei figli) è candidata unica (tipo Ceausescu), fa la rappresentante da anni con eccellenti risultati, e nessuno metteva in dubbio la sua rielezione.
Se non fosse che, prima della democratica votazione, io sia più volte intervenuto nella discussione con le maestre esponendo in modo chiaro e talvolta ironico alcune delle problematiche comuni alla scolaresca, riuscendo a calamitare positivamente le attenzioni e, purtroppo, le simpatie sia delle maestre che dei genitori presenti (95% mamme).
Fatto sta che, al momento della elezione del rappresentente di classe, nonostante io non fossi candidato ho portato a casa 9 voti contro gli 11 di Michela. Considerando che io ho votato Michela ed anche lei ha votato se stessa, i restanti 18 genitori hanno equalmente suddiviso le loro preferenze tra me e lei.
Io il rappresentante di classe lo farei anche, ma non ne ho il tempo (contrariamente ad altri genitori come Michela che sono a casa tutto il giorno) nonostante a livello organizzativo io mi renda conto di saperci fare.
Comunque tutto è bene quel che finisce bene, Michela rimane rappresentante di classe, ed io non vengo messo nella imbarazzante situazione di dover rifiutare un incarico che non mi sentirei di poter portare avanti.

women.jpg
GGFK (Gruppo Genitori Fans di Kikkakonekka)

Questa voce è stata pubblicata in blog life e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...