Andrea

Oggi è Sant’Andrea.
Auguri a tutti gli Andrea.

Avrete certamente letto o sentito questa notizia, che riguarda l’assenso della Cassazione per fare in modo che anche le bambine possano chiamarsi Andrea. Questo fatto mi ha portato indietro di 25 anni.
Vacanze estive a Cesenatico, incontro una ragazza proveniente dal Canton Ticino di nome – guarda caso – Andrea. Un piccolo flirt, se vogliamo, o poco più. La tipa mi piaceva, e fu proprio lei a spiegarmi come all’estero il nome Andrea fosse accettato anche come nome femminile, e non solo prettamente maschile.
Ci scambiammo poi qualche lettera, finché lei decise di spedirmi anche una cartolina durante la sua ‘settimana bianca’ dove scrisse qualcosa tipo: “Tanti baci e tanti ‘strucconi’, ti voglio bene. Andrea”.
Arrivo a casa da scuola (andavo al liceo) e trovo mia madre in versione guerrigliera: già ascoltavo i Dead or Alive (i cui dischi avevano copertine quantomeno eccentriche) ed a mia madre venne il legittimo sospetto che io avessi tendenze omosessuali.
Subito non capii. Durante il pranzo mi fece un sacco di domande sulle mie amicizie, sulla compagnia che frequentavo e sulle persone che avevo incontrato ultimamente.
Poi voilà eccola tirare fuori la cartolina: “E questo Andrea che ti vuol bene e ti vuole baciare chi è?”.
A momenti mi soffoco, Andrea avrebbe dovuto essere più cauta, ma forse pensava che avrei raccolto io la sua cartolina dalla cassetta delle lettere.
Il mio imbarazzo gioca a vantaggio di mia madre, che pensa che il mio rossore fosse dovuto ad un improvviso coming-out, mentre io invece ero senza parole perché non è frequente ricevere messaggi cartacei così eloquenti.
Poi le spiego che Andrea è una ragazza, che forse lei l’aveva anche conosciuta o intravista tra le tipe della mia compagnia del mare, ma mia madre non ricorda.
Assolto con la formula dubitativa, riuscii a rimediare quasi completamente l’estate successiva, quando presentai la bella Andrea a mia madre.
Dico ‘quasi completamente’ perché comunque mia madre riuscì a dirmi che poteva anche essere che una mia amica fingesse di chiamarsi Andrea, al che litigai per l’ennesima volta.

Ah, a proposito: io sono contrario al fatto di poter chiamare Andrea una femminuccia. D’altronde il nome deriva dal greco ‘andros’, che significa uomo con riferimento alla mascolinità… ma tant’è.

Andrea-Huisgen-in-bikini.jpg
La modella Spagnola (Miss Spagna 2011) Andrea Huisgen. Certamente poco mascolina

Questa voce è stata pubblicata in blog life e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...