Pubblicità regresso: dentifrici sbiancanti

Ti piacerebbe assaggiare un po’ di laurilsolfato di sodio, noto per i suoi effetti irritanti? O mettere in bocca un po’ di imidazolidinyl urea, sostanza cancerogena?
Senza dubbio no, ma queste due sostanze, insieme a molte altre non particolarmente benefiche, le troviamo facilmente come ingrediente dei dentifrici cosiddetti “sbiancanti”.
Ma questa non è l’unica sorpresa che questa tipologia di prodotti ci riserva: quella principale (ed io devo dire che non avevo dubbi a riguardo) è che tali dentifrici non sbiancano proprio un bel nulla.
Ricerche indipendenti svolte in Italia, Francia e Regno Unito sono giunte ai medesimi risultati: al massimo si può parlare di effetto ottico o di colorazione temporanea, che in brevissimo tempo svanisce essendo un effetto assolutamente a brevissimo termine.
L’unico modo per avere i denti più bianchi è quello di andare dal dentista che usa un gel a base di perossido di idrogeno (che altro non è che l’acqua ossigenata) come vero agente sbiancante, il quale tuttavia indebolisce lo smalto indebolendo il dente.
Non c’è mai limite agli inganni, per cui occhi aperti per non rimanere (mai come questa volta) a… bocca aperta.

pubblicità regresso,dentifricio,dentifricio sbiancante

Questa voce è stata pubblicata in blog life, Pubblicità regresso e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...