Tanto

Eccomi di ritorno in ‘carne ed ossa’ sul blog, con il concerto di Jovanotti di sabato sera ancora negli occhi e nel cuore.
Beh, più che sabato sera si può dire che il concerto sia stato di domenica mattina, dato che è terminato poco prima delle 2:00 A.M. Avete forse letto che il concerto è stato sospeso per temporale e pioggia, si è temuto a lungo per il suo annullamento, ma poi Jovanotti terminato il fortunale ha deciso di riprenderlo, anche se le almeno due ore di sospensione hanno nuociuto all’atmosfera dell’evento.
Poi c’è da dire che il maxi-schermo principale, a causa delle scrosciate d’acqua, è andato in corto circuito, per cui buona parte degli effetti speciali sono andati a farsi benedire.
Tuttavia la professionalità di Lorenzo e dei suoi musicisti è stata impeccabile, e lo spettacolo – con o senza effetti speciali – è stato ugualmente bellissimo. La mia preferita del concerto è stata “Tanto”.
Meno bene è andata per i ragazzi del ‘prato’ (tra cui mia cugina) che si sono beccati un lunghissimo diluvio senza o quasi possibilità di riparo (io ero in tribuna).
Prima di Jova si sono esibiti i “Tre Allegri Ragazzi Morti” che sul palco in effetti erano in quattro e Spiller, DJ che mi ha divertito assai, essendo io amante della musica da discoteca.

Ero altresì certo, leggendo in internet ieri mattina, che la scelta di Jovanotti di riprendere il concerto avrebbe scatenato molte polemiche, ma lo stesso sarebbe capitato nel caso il concerto fosse stato annullato, come se fosse colpa del cantante se è venuto giù il diluvio universale.
Molta gente seduta attorno a me veniva da assai lontano, e rifare la data per loro sarebbe stato un gran disagio: tutti loro speravano che il concerto riprendesse.
Non credo si tratti di una mera questione di soldi: secondo me il cantante, il produttore ed i loro entourage hanno fatto bene a riprendere la scaletta delle canzoni, perché tutti noi eravamo venuti lì per sentirli… che senso avrebbe avuto tanto sacrificio, tempo e denaro investiti per poi tornarsene a casa delusi e a mani vuote? Una nuova data avrebbe accontantato tutti? Non credo proprio, anzi! I temporali estivi sono ormai all’ordine del giorno del Triveneto (basti pensare all’Heineken Festival di qualche anno fa) ed io sostengo che lo spettacolo, se si può, deve essere portato avanti.

Giovedì sera Depeche Mode a Milano.

Da domani il resoconto della vacanza in Turchia.

Questa voce è stata pubblicata in musica e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Tanto

  1. Pingback: Jovanotti, Bologna e Mirko | Non sono ipocondriaco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...