Buone notizie

Chi segue un po’ questo blog ricorda certamente che l’anno scorso mia madre venne operata per un grave tumore alle ovaie, con grandi sofferenze e due lunghe degenze ospedaliere.
“Appena in tempo” dissero i dottori, associando comunque i loro commenti ad una parola che metterebbe paura a chiunque: ‘metastasi’.
Mi spiegarono tuttavia che la parola ‘metastasi’, di per sé, non è sinonimo di ‘morte certa ed imminente’, ma si riferisce al fatto che il tumore è propagato più o meno in tutto il corpo, senza riferimenti al suo livello di pericolosità.
In effetti, dopo circa 18 mesi di chemioterapia, le macchie tumorali persistono ma sono da considerare ‘circoscritte’ ed al momento ‘non pericolose’. Gli esami di varia natura (TAC, contrasti, sangue) evidenziano una stabilità del male, in alcuni punti del corpo anche una
sua regressione, e tutto ciò dona a noi familiari, ma a mia madre in particolare, un grande sollievo.
Il male può decidere anche domattina di ricominciare ad estendersi, ma comunque al momento le chemio sono da considerarsi concluse, con la sola necessità di alcuni esami ogni 45 giorni. Rimangono uno stato di profonda debolezza, che forse con la cessazione delle chemio migliorerà, e parecchi problemi con cui mia madre ha imparato a convivere (digestivi, deambulatori, vascolari, etc…).
E rimane il sua carattere spigoloso, che con ogni probabilità è risultato decisivo per il suo spirito di reazione post-operatorio.

Questa voce è stata pubblicata in famiglia e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...