Ripensamento inopportuno

Sembrava tutto quasi fatto ed invece *puff* tutto svanito.
Diciamo che l’ho presa abbastanza bene, perché anche se c’era ottimismo, io sono sempre stato realista: mai dare nulla per scontato, nemmeno a 10 metri dal traguardo.
Il fatto è che stavolta, dopo 3 anni di estenuante ricerca, la nuova casa l’avevamo trovata, ed eravamo a buon punto anche per la vendita della nostra. Come qualcuno forse ricorda, già da tempo sto cercando una casa più grande, ma i vincoli di zona, metratura e prezzo non mi hanno mai permesso di trovare la giusta sistemazione. A questo si aggiunge la difficoltà di vendere la mia odierna abitazione, causa crisi del mercato immobiliare.
Ma ora la strada appariva in discesa. Un compratore interessato alla mia (anzi, forse addirittura due) e una casa posta in vendita con le esatte caratteristiche che cercavo.
Peccato che, al momento del dunque, il venditore abbia clamorosamente cambiato idea, lasciando di stucco me, MDM (Mia Dolce Metà) ed anche l’agente immobiliare che sembrava presa da paresi e non sapeva più che dire.
Ovvio che io mi senta un po’ preso in giro, ed ovviamente anche deluso. Ora davvero mi passa la voglia di intraprendere una nuova trattativa, ed MDM mi invita a mollare tutto e non pensarci più.
D’altronde non è che io viva male nella mia casetta, è solo un po’ piccola nel caso mio figlio, crescendo, volesse fare una festicciola o una pizzata con gli amici.
Avrò mai un’altra opportunità?

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in blog life e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

43 risposte a Ripensamento inopportuno

  1. Vittorio ha detto:

    la ricerca di una casa richiede tempo e pazienza. ci sono situazioni fortunate in cui la trovi subito ma sono rarità. la maggior parte delle volte accade il contrario.
    un bel vaffanculo al venditore e via a cercarne un’altra
    le occasioni non mancano, basta rimanere con le antenne dritte
    quando sento un amico parlarmi di occasione perduta gli rispondo cosi: e se la prossima fosse migliore?

    Liked by 2 people

    • kikkakonekka ha detto:

      Mah, Vittorio, questa era davvero una bella occasione, anzi proprio quasi perfetta. La delusione c’è, e notevole, ma c’è un però. Io sto bene anche dove abito ora, dunque non mi fascio assolutamente la testa.

      Mi piace

      • Vittorio ha detto:

        meglio ancora: hai tempo per una nuova occasione.
        quando ho deciso di mettere su casa ho visto alloggi su alloggi e ne sono uscito sempre schifato
        poi ho visto quello in cui abito un sabato mattina e l’ho fermato nel pomeriggio

        Liked by 1 persona

  2. Erik ha detto:

    Beh, avrai un altra opportunità se non smetti di cercarla… se invece rinunci sarà molto più difficile… se ne senti il desiderio e/o bisogno non smettere di cercarla… assolutamente..

    Liked by 1 persona

  3. In bocca al lupo! Qualsiasi decisione tu prenda, l’importante è stare bene a casa propria! 🙂

    Liked by 1 persona

  4. Neogrigio ha detto:

    e vabbè la festicciola la organizzi in pizzeria?

    Liked by 1 persona

  5. Hadley ha detto:

    Guarda non sai quanto ti capisco… noi é un anno che stiamo cercando casa e io un negozio da prendere in affitto. ..sto diventando matta…mi viene da piangere… sopratutto perché la nostra ricerca è molto intensa…abbiamo visto decine d decine di case, parlato con decine di agenti immobiliari, per non parlare di tutte le inserzioni che abbiamo letto…
    Se non fosse che in questa situazione non posso restare avrei già mollato tutto

    Liked by 1 persona

  6. Oriana ha detto:

    Non scoraggiarti. In questo momento la cosa più difficile è vendere la propria casa, non trovarne una giusta nuova! Vai avanti a cercare!!!

    Liked by 1 persona

    • kikkakonekka ha detto:

      MDM è molto scoraggiata e non intende proseguire più nelle ricerche. Lo farò io di nascosto, e se saltasse fuori una buona proposta gliela presenterei bella confezionata.
      Ma temo che di occasioni come quest’ultima non ne avrò ancora molte.

      Liked by 1 persona

  7. bukurie ha detto:

    Buongiorno Andrea , meglio così . Il vostro figlio prima o poi si farà la sua famiglia e per te e la moglie va bene l’amore casa che avete . Anche io due anni fa volevo fare un’analisi cosa così come voi , ma poi io e mio marito abbiamo deciso di non fare più nulla . Quando la casa é grande per lo stato siamo ricchi d ci fanno pagare un sacco di tasse in più e avendo la casa piccola a pulirla ci metto poco tempo e così ho tempo libero per fare le cose che mi piacciono come i viaggi . Spero che ti farà piacere perché ti ho taggata qui https://fotografasenzastampante.wordpress.com/2017/03/06/i-7-peccati-capitali-tag/ Buona settimana ✨🙂

    Liked by 1 persona

  8. tramedipensieri ha detto:

    Non trovo la motivazione così forte da dover cambiare casa….davvero.
    Se poi vi piace abitare dove state…il problema non sussiste :))
    buone cose
    .marta

    Liked by 1 persona

  9. lali1605 ha detto:

    Lascia perdere e vieni dalle mie parti, case all’asta in quantità…e in una zona bellissima e che case! secondo me le svenderanno per un fico e un peperone…ma che tristezza…comunque devi avere tanta tanta pazienza e non mollare nemmeno con la burocrazia avvocati e notai. Rimani sempre vigile e mai mollare, tenere botta sempre K. e te lo dice una che è sempre pessimista…alè.

    Liked by 1 persona

    • kikkakonekka ha detto:

      Le case all’asta sono convenienti economicamente, ma una rogna burocraticamente. Dopo che te ne sei aggiudicata una, devi attendere mesi e mesi per averne la disponibilità. Se poi dentro ci sono anziani e minori (magari senza titolo di viverci, ma ci sono) allora la situazione diventa lunghissima. Un mio amico è 16 mesi che attende, dopo averla comprata.

      Liked by 2 people

  10. albertomagni@tin.it ha detto:

    Ciao, se posso permettermi, dovresti andare dal venditore e baciarlo sulla fronte, perchè con tutta probabilità ti ha evitato inutili grane e stress. Mi spiego, a tutti piacerebbe una casa più grande, ma una casa più grande non è sempre l’equivalente di una migliore qualità di vita: se tu tutto sommato stai bene nella casa in cui stai, chi te lo fa fare di cambiare? Il motivo che adduci sono le festicciole del figlio: ha senso cambiare casa per qualche festa o per maggiore spazio per il figlio? Tu, da quanto ho capito, hai un figlio solo, in età adolescenziale: conta che fra una decina d’anni con tutta probabilità se ne andrà, e tu, con tutta probabilità, avrai esigenze di vivere in uno spazio più ridotto, per ridurre le spese e perchè la casa sarà diventata inutilmente grande per voi, a quasi 60 anni di età. E lì ti potresti pentire, perchè magari avrai difficoltà a vendere o dovrai addirittura “svendere”, e rimpiangerai la “vecchia casa”. Dieci anni, ma possono benissimo essere anche meno, forse addirittura 5, qualora tuo figlio decidesse di fare l’università all’estero, oppure semplicemente a Milano, e allora il rimpianto di aver fatto una cazzata diventerebbe più grande. Ti parlo per esperienza personale, non sottovalutare poi l’aspetto psicologico, il “lutto” di abbandonare la casa dove hai vissuto in tutti questi anni, in cui è cresciuto tuo figlio, e che ti ha dato i migliori anni e i migliori ricordi della tua vita. Andare in una casa nuova a quasi 50 anni non è come traslocare a 20 anni, ci si lascia dietro tanti ricordi, e una volta che ti sei trasferito non hai l’entusiasmo dei 20 anni. Io fossi in te resterei lì. Scusa se mi sono dilungato ma è un argomento che ho particolarmente a cuore, perchè ci sono passato in questo periodo, e non so ancora se ho fatto la scelta giusta, pur andando in una casa molto più “lussuosa” di quella in cui vivevo prima.

    Liked by 2 people

    • kikkakonekka ha detto:

      Ciao Alberto.
      Innanzitutto grazie per il tuo commento, ben esposto ed articolato. A me una sola stanza in più sarebbe davvero comoda, per farci stare le centinaia di dischi che ho e le altrettante centinaia di libri. Lo spazio attuale (il solo soggiorno neppure molto grande) non mi permette di accatastare tutto con ordine, ed alla fine dischi e libri si accavallano con mio disappunto. Ma una stanza in più sarebbe oro anche per il figlio, che in effetti se un giorno avesse un amico (o una morosetta) da portare in casa non avrebbe molti spazi vitali. Certo, nulla di questo è “fondamentale”, ed infatti io non mi strappo i capelli, ma se ci fosse la possibilità di migliorarsi… perché non farlo? In effetti io non cercherei una “reggia”, difficile anche da pulire, ma solo qualcosa anche per avere (non l’avevo ancora detto) una seconda TV.
      Per quanto riguarda l’aspetto affettivo: io amo la casa dove sono nato e cresciuto, che non è quella attuale. Certo è vero che fare un altro trasloco (l’ultimo 11 anni fa) sarebbe più pesante, ed anche per questo MDM tira il freno. Diciamo che se non faccio qualcosa entro ancora 1-2 anni, poi lascio perdere sul serio.
      Alla prossima.

      Mi piace

  11. ElenaRigon ha detto:

    finchè non c’è la firma tutto è possibile…..
    a me è successa una cosa simile; poi ho trovato una casa nuova vicino a quella sfumata, ad un prezzo inferiore; ed è stato allora che il venditore, pentito del suo pentimento, è venuto a cercarmi nuovamente ….

    Liked by 1 persona

  12. Non disperare! ma comprendo il tuo disappunto
    Buona settimana 🙂

    Liked by 1 persona

  13. Marta ha detto:

    Mai smettere di crederci!!!!!

    Liked by 1 persona

  14. Quando mi inceppo in affermazioni simili.. mi ricordo di una storia assurda che successe a mio padre da giovane… lui mandava i soldi a mio nonno x comprargli un pezzo di terreno… il genio di mio nonno li usava x i suoi terreni.. e a mio padre restò solo aria…. e da allora lui continuava a ripetermi: Antonella. .. ricorda che il treno passa una volta sola o sali o nulla! Negli ultimi anni.. quando sono di fronte asituazioni x le quali faccio accendere la lampadina …. non mi lascio scappare l’occasione. Cmq mi spiace x te.. ma in questo caso tu avevi proprio le spalle al muro.. se la casa non era più in vendita. .. mancava x così dire la materia prima…. non temere… io uso anche la tecnica x la quale.. autoconvinzione cosciente ” pazienza vuol dire che non doveva essere mia o che il destino mi stia riservando qualcosa di meglio ^.*

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...