Fantozzi in Paradiso

Troppo facile parlare oggi di Paolo Villaggio.
Rievocarne i personaggi, le battute, le contraddizioni.
A me ha sempre fatto ridere, ma sono consapevole che non piacesse a tutti.
Nei suoi personaggi, Fantozzi in particolare, Villaggio ha celebrato i difetti dell’italiano medio: bugiardo, meschino, vigliacco, servile, sfigato. Li ha amplificati in maniera grottesca al punto che, se ci pensavi bene, guardando lui in realtà guardavi te stesso attraverso una lente di ingrandimento.
Ed a molti non piaceva che i propri difetti venissero esposti al pubblico ludibrio, e ne trovavano repulsione.
Altri come me, invece, ne hanno sempre trovato il modo di riderci sopra.
Conosco a memoria moltissime battute dei suoi film, e molti giovani le citano pur senza sapere da dove provengano: questo è un grandissimo traguardo. Essere entrati nel gergo comune, avere contribuito alla cultura di massa (pur partendo dal basso) è un merito
che non si può – e non si deve – sottovalutare.
Villaggio era una persona intelligente e stravagante, ma anche difficile ed intrattabile. Pure ipocondriaco, un po’ come me.
Mi sembrava di conoscerlo da sempre. A lui ed ai suoi personaggi io volevo bene.

Questa voce è stata pubblicata in blog life e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

19 risposte a Fantozzi in Paradiso

  1. Vittorio ha detto:

    poniamo il caso che in tv danno una comica di stanlio e ollio. me la guardo e rido come sempre, nonostante sia la centesima volta che la vedo
    idem per fantozzi o altri film: aspetti la gag o la battuta perchè sai che arriverà e ti farà ridere.
    villaggio ha saputo darci questo: la consapevolezza che i nostri difetti possono essere anche un modo per sentirci diversi, pur nella loro grottesca identità

    Piace a 1 persona

  2. 76sanfermo ha detto:

    Aveva dato una bella svolta alla comicità italiana , come dici tu , non compresa immediatamente da tutti …( “un gran villano” , sentito dire da parecchi spettatori televisivi, quando “maltrattava”il pubblico) , ma amata dai più….
    Come anche Sordi, seppure non sullo stesso registro , ha saputo cogliere gli stereotipi dell’italiano medio e farne un capolavoro…..
    Bella la tua recensione

    Piace a 1 persona

  3. lali1605 ha detto:

    Vadi vadi e riposi in pace….ha saputo dare vita alla classica figura del ragioniere vessato.

    Piace a 1 persona

  4. Oriana ha detto:

    Si dice sempre che far ridere sia più difficile che far piangere…

    Piace a 1 persona

  5. pattykor122 ha detto:

    Sinceramente a me non è mai piaciuto il personaggio di Fantozzi (fantocci) da lui interpretato. Non perchè non lo sapesse interpretare anzi ci riusciva fin troppo bene, tanto da farmi stare male , ma male veramente, Non perchè scatenasse in me divertimento e ilarità, ma perchè mi immedesimavo nei suoi panni, la sua sfiga più totale e il trattamento a lui riservato , mi angosciavano, pativo per lui! Non riuscivo veramente a sopportare . Cosa invece diversa per il meraviglioso film “io speriamo che me la cavo ” , grandioso! Beh anche lui come altri grandi attori lascia un pezzo di storia del cinema italiano ai posteri. Grande persona , anche se schiva e a tratto burbera ha lasciato la sua scia. Ciao Kikka

    "Mi piace"

  6. Gisella ha detto:

    Grande uomo comunque. Personalità complessa e controversa. Riduttivo associarlo solo a Fantozzi che, comunque, io ho amato…😊

    Piace a 1 persona

  7. Demonio ha detto:

    Ecco, non ho scritto nulla ma quel che hai scritto è esattamente quello che ho sempre pensato di lui e del suo personaggio. Aspettavo solo di trovare qualcuno che lo dicesse meglio!

    Piace a 1 persona

  8. Vincenzo ha detto:

    Sono d’accordissimo con te… ho trovato questo tuo articolo dopo aver scritto il mio su Fantozzi stamattina e mi sono accorto che le idee sono più o meno le stesse… anch’io son convinto che l’immedesimazione sia un tratto fondamentale nella comicità Fantozziana… ciao

    Piace a 1 persona

    • kikkakonekka ha detto:

      Ciao Vincenxo e grazie per il commento.
      Guarda, io credo che anche chi non sopportava il personaggio di Fantozzi, in fin dei conti lo detestava perché ci si riconosceva dentro, nel bene o nel male, certamente con connotazioni amplificate e grottesche. Pensa alla sfortuna di certe situazioni: a chi non è mai capitata una sfiga improvvisa e magari ridicola, a posteriori?

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...