New York dalla A alla Z. Parte 2 di 5: Ch-Es

China Town
Mi sembrava di essere a Shanghai, anche se a Shanghai non vi sono mai stato. In questa ampia zona di New York i cinesi non parlano neppure l’inglese.

Cibo
Potrei parlarne per ore.
A NY trovi centinaia, migliaia ristoranti di tutti i tipi: giapponese, cinese, thai, indiano, paki, italiano, vietnamita, coreano, arabo,  e così via. Ma qual è il tipico cibo americano? Di tipico ci sono gli hot-dogs (per un pranzo veloce o uno spuntino) oppure le steak-house, dove la qualità è ovviamente maggiore, così come i prezzi. Cibo-spazzatura ne troverai ad ogni angolo a prezzi modici, ma dopo un paio di assaggi il tuo fegato ti chiamerà a rapporto.
Noi di solito, dopo una buona colazione, ci tenevamo leggeri a pranzo (insalata o hot-dog, appunto) per dopo rifocillarci a cena dato che le giornate sono sempre state un po’ stancanti. Peccato però che mangiare ogni sera al ristorante a NY costi un occhio della testa, ma se l’alternativa è McDonalds allora capirete che si tratta di soldi ben spesi.

City Pass
Se desideri andare a NY e hai già le idee chiare sui musei o sulle attrazioni da visitare, vale la pena dotarsi del “New York CityPASS” o del “New York Pass”, che vi permettono sconti notevoli e minori file alle biglietterie.
Io, devo essere sincero, non l’ho fatto dato che ho abbastanza improvvisato le mete da visitare, però ammetto che il pass sia di sicura utilità. Informatevi prima.

Clima
La mia Pianura Padana ha un clima pessimo, ma a New York non va molto meglio. La città è calda ed afosa, e la vicinanza con l’Atlantico porta a repentini cambiamenti climatici anche nel giro di qualche ora, ed alla fine nessuna giornata può dirsi al 100% sicura dalle precipitazioni. Quindi se visitate la City rimanendo fuori dalla mattina alla sera, sinceratevi sulle previsioni del tempo. Ma in caso di pioggia c’è sempre la possibilità di visitare un museo o sostare in uno Starbucks.

Coney Island
Coney Island è un’oasi nel sud di New York: mare caldo e balneabile, spiaggia con sabbia chiara e fine, il tutto circondato da un enorme luna park permanente.
Questo parco dei divertimenti fu il primo al mondo a venire edificato (1903) e venne chiamato “Luna Park” termine che è poi divenuto d’uso comune per indicare qualsiasi parco dei divertimenti nel mondo.

Donne
Qualcuno potrebbe pensare che New York sia pieno di gnocca, di donne belle da rimanere a bocca aperta.
Avrebbe ragione.
Ho visto donne bellissime pur senza farmi venire il torcicollo (data anche la presenza di MDM (Mia Dolce Metà)). In due casi abbiamo anche incontrato set fotografici (uno nella City, uno a Coney Island) con qualche modella in posa.
Donne belle, alcune bellissime magari nella loro semplicità, belle in metro, belle a Central Park, belle da Starbucks.
A New York non poteva che essere così.

Elettricità
Se andate negli USA o in Canada, ricordate di dotarvi di un adattatore, dato che le prese elettriche americane sono differenti da quelle europee.
E’ differente anche il voltaggio, ma per i cellulari non è un problema, dato che nel 99% dei casi sulle spine c’è scritto “input 110 – 240v / 50 – 60Hz” il ché significa che funzionano anche con i voltaggi americani (100-120 Volts) differenti dai 220 Volts italiani.
Se invece volete portarvi dietro anche un altro strumento elettrico (depilatore, rasoio, phon) controllatene il voltaggio oppure (oltre all’adattatore, che è obbligatorio) procuratevi anche un trasformatore.

Ellis Island
Antico punto di ingresso degli emigranti che raggiungevano gli Stati Uniti, questa isola artificiale la raggiungi con lo stesso biglietto del traghetto che ti porta alla Liberty Island. Vi puoi trovare il “Museo dell’Immigrazione” ed anche il “Wall of Honor” con un elenco parziale dei primi immigrati in terra statunitense (e quanti cognomi italiani!).

ESTA
Non puoi entrare negli USA se non hai un passaporto valido e se non hai ad esso associato un visto elettronico (chiamato ESTA) che ti permette di superare la barriera doganale. Costa pochi dollari, lo puoi ottenere on-line, e vale 2 anni dalla data di emissione. Va fatto almeno 3 giorni prima di partire, ma io consiglio di farlo molto prima per evitare il disguido dell’ultimo momento. Non vorrai che ti salti il viaggio negli USA solo perché la tua richiesta di visto è ancora in fase di elaborazione?

coney
Coney Island (clicca per ingrandire)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in blog life e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

20 risposte a New York dalla A alla Z. Parte 2 di 5: Ch-Es

  1. 76sanfermo ha detto:

    Bellissimo, fin qui…
    Ancora, ancora….!

    Liked by 1 persona

  2. Marta ha detto:

    Bene… Alcune cose le ho già fatte, altre mi mancano, aggiungo al mio itinerario….Grazie!!!

    Liked by 2 people

  3. Neogrigio ha detto:

    beh…ho appena accompagnato in aeroporto degli amici veneti di mio cugino (veneto anche lui) che in giro a Palermo hanno preferito il MCDonalds ai vari panini ca mieusa, con le panelle, con panelle e crocchè, alle stigghiola e al tutto il fantasmagorico quanto economicissimo street.food siciliano. Non ci posso ancora pensare, assurdo. Per il resto io ho visto a lot of ragazze meravigliose a Chicago….lì ero solo ed il torcicollo è stato solo il minimo disagio.

    Liked by 1 persona

  4. lali1605 ha detto:

    beh attendiamo ancora…su avanti dicci….

    Liked by 1 persona

  5. Che belli i tuoi appunti di viaggio!

    Liked by 1 persona

  6. Miss E. ha detto:

    Beeello! Non sono riuscita ad andare a Coney Island…la prossima volta è d’obbligo.

    Liberty Island e il giro sulla statua e Ellis Island sono stati bellissimi giri…assolutamente da non perdere 😉 Io mi sono divertita a cercare il mio cognome nel database, trovato ovviamente. Chissà se esiste una parentela…non sono ancora riuscita a trovarla. Tu ci hai provato?

    Liked by 1 persona

    • kikkakonekka ha detto:

      Sì, ci ho provato con tutte le parentele che mi sono venute in mente, ma non ho trovato corrispondenze.
      Coney Island sembra Miami (senza che io sia mai stato a Miami) per la presenza di moltissimi ispanici. Acqua tiepida, molti nuotavano. Incredibile scenario a pochi KM da Manhattan.
      Domanda (sorry, non ricordo): tu ne hai parlato sul tuo blog?

      Liked by 1 persona

  7. Massi Tosto ha detto:

    La china town di NYC non è granché , ma Attenti Shanghai sta diventando
    Più bella di NYork 😀😀😀

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...