Inner Sanctum

“Inner Sanctum” traduzione “luogo chiuso e riservato dove ci si sente protetti”

Capita nella nostra vita che alcune giornate a prima vista normali possano poi diventare eccezionali, magari per una coincidenza, o magari per una situazione o un evento che rimarranno impressi per sempre nella nostra memoria.

Io ho un amore sviscerato per la musica, ed in particolare (come molti di voi ormai sapranno) ho una vera e propria venerazione per il gruppo britannico dei Pet Shop Boys.
I loro dischi sono sempre in heavy rotation a casa mia, e sono fortunato che la loro discografia sia sempre stata negli anni molto prolifica e variegata. Ricordo ancora quando mio figlio, all’età di 2-3 anni, faceva il coro alla canzone “Paninaro” che io talvolta gli facevo sentire sperando di poterlo crescere a pane, latte, Milan e Pet Shop Boys.
Ci sono riuscito solo per il pane ed il latte, per il calcio si è vestito di nerazzurro, per la musica… beh, lui ormai ha 15 anni e ascolta gruppi ed artisti più giovani dei sessantenni Pet Shop Boys.
Ma al figlio la musica piace, e se metto un disco di Jovanotti vedo che gradisce, se metto un disco dei Depeche Mode pure.
E i Pet Shop Boys? Sì, gradisce anche loro.

Io a mio figlio ho detto: “I Pet Shop Boys avranno anche 60 anni, ma in un loro concerto troverai più energia, più ritmo, più partecipazione e gioia che in un qualsiasi altro concerto”.
E così lunedì scorso l’ho portato a Lucca, a vederli dal vivo. MDM (Mia Dolce Metà) purtroppo è dovuta rimanere a casa per motivi di lavoro.

Eravamo a 5 metri dal palco, in una posizione ideale per goderci una serata straordinaria.
E così è stata.
I PSB ci hanno deliziato per 2 ore con un ritmo elettronico coinvolgente, nella piazza gremita da gente di tutte le età non c’era nessuno che potesse rimanere fermo, tutti trascinati da canzoni adrenaliniche dal BPM elevato. E io ero lì, di fronte al palco, con i miei beniamini a portata di mano e il figlio alla mia destra che per la prima volta in vita mia ho visto lasciarsi andare, rapito dal ritmo del duo inglese. Le canzoni bene o male le conosceva tutte anche lui, ma oltre alla musica c’erano le luci laser, il maxi schermo, il pubblico che cantava tutte le canzoni all’unisono, le coreografie minimali ma efficaci, e poi loro due, Neil & Chris, sempre fedeli a loro stessi anche nell’abbigliamento (vedasi i bizzarri copricapi che indossano ad ogni concerto).
Neil, il cantante, estroverso comunicativo e coinvolgente.
Chris, il tastierista, silenzioso e serio dietro i suoi strumenti. Lui coinvolge con la musica.

“Avevi ragione” mi ha detto il figlio a fine spettacolo “è stato un concerto davvero pieno di energia e spettacolare. Mi è piaciuto molto”.
Ecco, questo è stato il momento più bello, quando lui mi ha detto che il concerto gli è piaciuto molto.

Perché un concerto dei PSB non è solo un “concerto”. E’ energia pura, è adrenalina, è una festa dove incontri vecchie conoscenze presenti come me ad ogni loro concerto, è un luogo dove ti senti a tuo agio trascinato e cullato dal ritmo, è un luogo chiuso e riservato dove ci si sente protetti.

E’ un “Inner Sanctum”.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in blog life, famiglia, musica e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

31 risposte a Inner Sanctum

  1. Vittorio ha detto:

    penso che ognuno di noi cerchi un luogo personale dove sentirsi protetto. il mio lo chiamo la caverna. quando non sto bene e mi sento indifeso mi rifugio dentro di me, nella caverna.

    Liked by 1 persona

  2. Enri1968 ha detto:

    Sono contento per voi. L’esperienza di un concerto è sempre straordinaria.

    Liked by 1 persona

  3. Massi Tosto ha detto:

    bell’esperienza per tuo figlio che arricchirà tutti e due

    Liked by 1 persona

  4. Erik ha detto:

    vivere un concerto di chi ha segnato la tua vita con tuo figlio vicino è una sorta di regalo, che evidentemente in qualche modo ti sei conquistato e/o meritato..

    Liked by 2 people

  5. indianalakota ha detto:

    Eh io non so quanti anni avranno gli Slayer quando i miei figli avranno l’età da concerti 😃 Intanto se li godono in casa…Hai sicuramente inciso un bellissimo e indimenticabile ricordo nella vita di tuo figlio. E anche nella tua 😊

    Liked by 1 persona

  6. alemarcotti ha detto:

    Ricordo il mio primissimo concerto… A Milano a vedere I Ramones… Ero davvero piccola ma da lì in poi ho capito che cosa avrei amato per sempre… 😊

    Liked by 1 persona

  7. lali1605 ha detto:

    La música ah cosa non fa! Anch’io mi rifugio nella musica. I Pet Shop Boys … come non conoscerli???? Sono contento che ti sia divertito. Credo che un corcerto o la musica dal vivo sia la forma piú alta di essa.

    Liked by 1 persona

  8. Wow che emozione sarà stata anche x tuo figlio ^.^ Buon giorno

    Liked by 1 persona

  9. ragazzainfuga ha detto:

    Bravó!👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...