La bottiglia d’acqua

La prima colica renale arrivò del tutto inaspettatamente nel 1995, avevo 26 anni, e questo dolore lancinante non avevo idea da dove provenisse. Si pensò quasi all’appendicite (le mie coliche renali mi hanno sempre portato un dolore acuto all’addome, mai alla schiena) ma al primo ricovero ospedaliero venne chiarito che si trattava di coliche dovute a ‘renella’ formatasi a livello renale. Io infatti non ho mai avuto veri e propri calcoli renali, ma sempre e solo ‘renella’.

Tra il 1995 ed il 1996 le coliche renali furono 5, ed altrettanti i ricoveri ospedalieri al pronto soccorso. La quinta volta mi tennero lì per due settimane, facendomi tutti gli esami possibili e immaginabili.
Venne trovata una ‘cura’: due settimane alle fonti di Recoaro, a bere acqua come un cammello. La famosa cura idropinica.
Al termine delle due settimane mi venne consigliato di iniziare ad abituarmi a bere acqua spesso, portando sempre con me una bottiglia in ufficio. Iniziai a farlo.

Le coliche all’inizio scomparvero, poi verso il 2005 iniziarono a ricomparire dolorosissime e le corse al pronto soccorso ricominciarono.
Iniziai ad essere più costante nel bere l’acqua, portando sempre con me anche una bottiglietta da mezzo litro ovunque andassi, anche solo fosse una passeggiata. Non è più un peso per me bere abbondantemente, sento proprio il bisogno non tanto di dissetarmi, quanto di purificarmi, e una bottiglia da litro e mezzo troneggia ormai da anni sulla mia scrivania al lavoro ricordandomi (qualora mi stessi dimenticando) che una sorsata ogni 30 minuti va fatta.
L’ultima colica l’ho avuta quasi due anni fa, ma purtroppo vivo sempre con la paura che me ne venga un’altra, il minimo dolorino addominale di un certo tipo mi mette in allarme e mi impaurisce. Anche per questo motivo avevo paura del lungo volo in aereo per le ultime vacanze, perché dicevo a me stesso “e se mi viene una colica durante il volo?”.

Bevo molto anche a casa.
Un bicchiere d’acqua fresca lo ingerisco appena svegliato ogni mattina, e prima di andare a letto se non mi faccio una camomilla o un infuso mi bevo comunque un bicchierone d’acqua. Ogni notte, tra le tre e le quattro, sento un urgente bisogno di fare pipì, questo è l’unico aspetto negativo.


Bere molto fa sicuramente bene

Questa voce è stata pubblicata in blog life e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

18 risposte a La bottiglia d’acqua

  1. Vittorio ha detto:

    Fa decisamente bene. È chi se ne frega della pipì notturna 😊

    Piace a 2 people

  2. indianalakota ha detto:

    Ne hai avuti di accidenti, però, Andrea! Bere è fondamentale per mantenrsi idratati, purificati ed evitare questi spiacevolissimi mali. Io ne bevo da sempre almeno due litri al giorno, di quella con residuo fisso più basso, e d’estate o quando faccio molto sport posso arrivare anche a tre litri! Altro che tanta plin plin dopo 😀

    Piace a 2 people

  3. Neogrigio ha detto:

    anche io sto iniziando a bere di più

    Piace a 2 people

  4. gaberricci ha detto:

    … non è che ti sta venendo anche l’ipertrofia prostatica, vero?:-)

    Piace a 1 persona

  5. Massi Tosto ha detto:

    Io da ottobre 2016 bevo due litri e mezzo tutti i giorni , altro che pipì notturna sono sempre in bagno 😀😀😀

    Piace a 2 people

  6. Che bravo…. io invece sto molto tempo senza bere… in inverno pensa cge al massimo bevo un solo bicchiere al giorno. … dovrei cambiare stile anche io. Buon week end caro

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...