L’uso del dialetto

Io lavoro in una Azienda che ha numerose sedi sparse all’interno della Provincia di Padova.
In alcune zone, il collega/funzionario che ci lavora è praticamente obbligato a conoscere il dialetto locale, unico modo per capire e farsi capire da alcuni clienti con cui ha a che fare.
Ed è la cosa migliore, perché per certa gente la giacca e l’italiano forbito generano solo diffidenza, mentre l’espressione dialettale e la pacca sulla spalla possono valere molto di più.

Questa voce è stata pubblicata in blog life e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

58 risposte a L’uso del dialetto

  1. Concordo sul mantenere vivo il dialetto, ma costringere altri ad impararlo per motivi lavorativi mi pare un pò esagerato 🙂
    Buona giornata

    Piace a 1 persona

    • kikkakonekka ha detto:

      No, non si tratta di costrizione. Si tratta di mettere la persona giusta al posto giusto: inutile mettere un giovane superlaureato dall’italiano forbito, meglio una persona alla mano che sa entrare facilmente in sintonia con il cliente.

      Piace a 1 persona

  2. Vittorio ha detto:

    quando sono entrato in questa azienda, nel 1988, l’udo del dialetto era marcato. l’italiano era usato poco e il linguaggio tecnico ufficiale era il piemontese.
    la prima cosa che i colleghi ti chiedevano era riguardo alle tue origini.
    con gli anni e con i pensionamenti il dialetto si è usato sempre di meno, sostituito dall’italiano omaccheronico e oggi dall’inglese superfluo (week al posto di settimana, destination al posto di destinazione, commitment al posto di impegno…)

    Piace a 1 persona

  3. Erik ha detto:

    pensa che una delle prime volte che mi recavo in una delle sedi in provincia di Udine mi fermai per fare benzina in un distributore e il benzinaio mi parlava in dialetto. Ho fatto finta di non capirlo per “costringerlo” a parlare in Italiano…

    Anch’io sostengo i dialetti come forma di cultura e tradizione però in alcuni casi secondo me l’italiano dev’essere praticamente d’obbligo, almeno in prima battuta…

    Piace a 1 persona

  4. alemarcotti ha detto:

    😂😂😂fantastico

    Piace a 1 persona

  5. Gisella ha detto:

    Ti dirò che lavoro in una azienda la cui capogruppo sta in veneto. Quando mi trovo li, in qualche riunione fra colleghi, ci scappa la frase in dialetto….

    Piace a 1 persona

  6. lamelasbacata ha detto:

    Qui da me è abituale, soprattutto per le persone anziane, parlare in dialetto. Io, pur capendo perfettamente, non lo parlo bene e preferisco rispondere in italiano.

    Piace a 1 persona

  7. Oriana ha detto:

    Noi lavoriamo anche con clienti di Merano e Bolzano.
    Uno dei miei colleghi che segue la zona è originario della Basilicata. Il suo capo è siciliano.
    I clienti parlano solo in tedesco. Così il bancario deve fare da intermediario, ma io sono convinta che, nella loro lingua madre (che magari è il ladino), si prendano gioco di noi…
    Alcuni redigono bilanci solo in tedesco.

    Piace a 1 persona

  8. indianalakota ha detto:

    In casa mia si è sempre parlto solo in dialetto parmigiano! E lo insegniamo anche a scuola. E’ troppo bello!

    Piace a 1 persona

  9. massimolegnani ha detto:

    ma troppo spesso il dialetto è usato per escludere chi non è del luogo, un patetico orgoglio di campanile.
    ml

    Piace a 1 persona

  10. lali1605 ha detto:

    Mai lavorato in aziende quindi non saprei… nelle scuole abolito.

    Piace a 1 persona

  11. Enri1968 ha detto:

    Personalmente lavoro in una azienda bresciana e spargo la cultura veneta quando posso!
    Spesso me ne esco con varie espressioni e con il dialogo cercano di replicare… ci facciamo delle gran risate.
    In ogni caso l’italiano resta la Lingua.

    Piace a 1 persona

  12. È vero è risaputo che da quelle parti si viene assunti a fronte di conoacenze approfondite del dialetto… x poter comunicare. .. e quando me lo raccontarono ci risi sopra… invece quando mi sono ritrovata nelle campagne mantovane ma anche in quelle riminesi a dire il vero…. facevo fatica a comunicare con la gente del posto fino a che l’intuito non mi ha dato una buona mano… e parlarlo faccio fatica ma capirlo… è già ottimo…. perché la gente si sente felice e tu lavori bene. Felice giovedì

    Piace a 1 persona

    • kikkakonekka ha detto:

      Mi immagino la piccola (si fa per dire) Antonella, in sella al suo scooter, in mezzo alla nebbia mantovana, mentre tenta disperatamente di capire le frasi di una vecchietta mentre parla in dialetto.

      Piace a 1 persona

      • Ah ah ah… i primi giorni dovevo chiedere di tradurre in italiano perché davvero il 90% di quel che dicevano non lo capivo… poi dopo iniziai ad annuire e sorridere ma non capivo nulla ugualmente ah ah ah… ce ne ho messo di tempo… ma adesso conosco e capisco diversi dialetti d’italia… e qui in ufficio ormai parlo il mio dialetto… eh beh… anche gli altri possono imparare… perché solo io? ^.* buon week end

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...