Aeroporti. Post 1 di 5: Kansai (Osaka, Giappone)

Questa settimana ho pensato di trascorrerla parlando di alcuni aeroporti che abbiano qualcosa di particolare che li rende in qualche modo ‘originali’.

E certamente originale è l’Aeroporto Internazionale di Kansai, nella baia di Osaka, in Giappone.
Questo aeroporto, infatti, è stato costruito in mare aperto addirittura su un’isola artificiale di ben 10 Km2. La costruzione dell’isola fu impegnativa per diversi motivi: profondità del mare (circa 20 metri), sismicità del Giappone, zona soggetta a forti venti ed uragani, moto ondoso, rischi di sprofondamento.
I lavori iniziarono nel 1991 (durarono 3 anni) con la costruzione del perimetro dell’isola. Fu necessario considerare i rischi di erosione a causa del moto ondoso e per questo motivo vennero utilizzati i tetrapodi, la cui massima resistenza alle onde è dimostrata scientificamente. Poi vennero erose 3 montagne per ricavare terra ed argilla necessari alla costruzione dell’isola, e contemporaneamente iniziarono i lavori per un collegamento tra l’isola e la terraferma attraverso un ponte a 2 livelli, uno per le auto ed uno per il treno.
Per una migliore stabilizzazione dell’isola vennero utilizzate ben 11 milioni di colonne di sabbia; ciò nonostante il peso dell’isola e delle infrastrutture ha portato ad un graduale abbassamento del livello dell’isola, ben oltre i 6 metri che erano stati previsti. L’isola continua a scendere di livello alcuni centimetri ogni anno, e si spera che gli “esperti” abbiano ragione quando dicono che ad un certo punto la discesa si bloccherà per una definitiva stabilizzazione.

Il terminal dell’aeroporto fu progettato da Renzo Piano, con una struttura avveniristica lunga 1700 metri a 4 livelli (partenze nazionali, partenze internazionali, arrivi nazionali, arrivi internazionali) ed un sistema di smistamento bagagli ingegnoso basato su nastri trasportatori “a chiocciola” per sopperire alla mancanza di larghezza dell’aeroporto stesso.
Ben 900 colonne regolabili mantengono “in bolla” l’intera struttura a causa dei possibili abbassamenti di livello non uniformi dell’intera isola.
Per contrastare i forti venti della zona il terminal è stato costruito con ben 5mila vetrate incastrate attraverso guarnizioni di gomma, e tutte le strutture rigide sono state studiate per resistere ai terremoti, con pareti rientranti ed elementi semovibili.

L’intero aeroporto, grazie alla sua previdente costruzione, è riuscito a passare indenne sia il terremoto di Kobe del gennaio 1995 (Magnitudo 6,8 epicentro a soli 20 Km), sia il tifone del 1998 con venti ad oltre 200 Km/h.

Codice aeroporto: KIX
Nome aeroporto: Aeroporto internazionale di Kansai Osaka
Passeggeri transitati (dati 2015): oltre 23 milioni


Annunci
Questa voce è stata pubblicata in blog life e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

15 risposte a Aeroporti. Post 1 di 5: Kansai (Osaka, Giappone)

  1. Massi Tosto ha detto:

    Deve esser tipico degli occhi a mandorla , costruire aeroporti su isole artificiali , ciao K

    Piace a 1 persona

  2. Paola ha detto:

    Renzo Piano, genovese, facchipuò

    Piace a 1 persona

  3. 76sanfermo ha detto:

    Che razza di progetto!
    Grazie per averci illustrato questa ennesima impresa di Renzo Piano!

    Piace a 1 persona

  4. tramedipensieri ha detto:

    Certe costruzioni sono affascinanti, non c’è che dire…

    Piace a 1 persona

  5. Nc ha detto:

    inevitabile il paragone con la nostra realtà, in cui i lavori per una cosa simile durerebbero 30 anni e al termine sarebbe già tutto obsoleto.

    Piace a 1 persona

  6. Un lavoro magnifico! Non conoscevo la storia di questo aereo porto! Sono curiosa di leggere gli altri a questo punto ✌🏻😉

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...