Lavoro e gratifiche

Al primo corso di marketing che ho fatto mi è stato detto che il capo, o chiunque diriga un’azienda, non è minimamente tenuto a gratificare o encomiare i dipendenti per il lavoro che fanno.
Proprio perché i dipendenti sono appunto pagati per questo.
Con questo non voglio dire che non debbano esistere premi, gratifiche o promozioni, ma certamente non per il lavoro ordinario per il quale chi lavora viene già retribuito.
Secondo me la cosa più errata che possa pensare un lavoratore, è considerare di star facendo un favore alla proprietà quando si lavora.
Bisogna avere una visione più ampia del proprio lavoro, non dico vederlo come una missione, ma quantomeno come un tassello di un puzzle, senza il quale il puzzle rimane sempre incompleto.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in blog life, famiglia, lavoro e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

29 risposte a Lavoro e gratifiche

  1. Vittorio ha detto:

    La mia esperienza lavorativa insegna che anche un gesto come un grazie aiuta il rapporto di lavoro.

    Piace a 3 people

  2. Sephiroth ha detto:

    Il problema è sempre uno qui in Italia. Gente che non lavora e che viene pagata allo stesso modo di te che lavori e fai anche il loro. Però a te non diranno mai bravo o grazie. Mentre a chi non fa un cazzo, quell’unica volta, in cui metterà un bullone al posto giusto, scriveranno un elogio!! 😂😂😂
    Ed il refrain nella mia testa è sempre lo stesso “chi cazzo me lo fa fare”. 🤷🏻‍♂️

    Piace a 2 people

    • Kikkakonekka ha detto:

      Ho colleghi/e che sbuffano e si lamentano in continuazione, e questo a me da fastidio. Ognuno viene retribuito per ciò che fa, è una visione molto ristretta (e ormai anche antistorica) quella per la quale tu stia facendo un “favore” al datore di lavoro.
      Certo, un “grazie” ogni tanto non guasterebbe (tra colleghi a pari livello non mancano) ma è difficile che uno dei capi arrivi a ringraziarti direttamente.

      Piace a 1 persona

  3. Massi Tosto ha detto:

    Concordo , ma dovrebbe valere anche per i capi , invece spesso il capo viene premiato sulla base dei risultati che porta il suo team , per questo è giusto riconoscere in alcuni momenti gratifiche , che molte volte sono solo pacche sulle spalle , ma ogni tanto no ….

    Piace a 1 persona

  4. Elogiare o ringraziare per il normale lavoro no, ma a volte, nei periodi più intensi, sarebbe utile ricevere almeno un incoraggiamento, un incentivo allo spirito di squadra… Invece si tende ad esasperare ed esacerbare i dipendenti, contando esclusivamente sul loro senso del dovere.

    Piace a 1 persona

  5. Neogrigio ha detto:

    questo è pure vero…

    Piace a 1 persona

  6. quarchedundepegi ha detto:

    Il capo si fa male se dice “Bravo” al proprio dipendente?
    Ormai son vecchio e non dovrò fare corsi di nessun tipo e modello, ma, credo di poter dire che chi ha asserito “che il capo, o chiunque diriga un’azienda, non è minimamente tenuto a gratificare o encomiare i dipendenti per il lavoro che fanno” sia perfettamente in linea coi tempi che pretendono solo efficienza e guadagni e dimenticano che ogni individuo ha una personalità.
    Potrei solo rimanere nauseato di fronte a certi assurdi concetti disumanizzanti.
    Ciao.
    Quarc

    Piace a 1 persona

  7. quarchedundepegi ha detto:

    Quello che dice certe frasi è peggio degli altri… è un assassino.
    Sì, perché non uccide solo chi effettivamente uccide, ma anche chi non permette di vivere.
    Ciao.
    Quarc

    Piace a 1 persona

  8. francescodicastri ha detto:

    Chi ha tenuto quel corso è un cretino. Le motivazioni sono il sale del lavoro

    Piace a 1 persona

  9. Nc ha detto:

    d’accordo. in più penso che il capo debba essere “leader” e non soltanto “boss”, aldilà di quelle cose filosofie incentivanti alla produzione. Diversamente avrà un buon 80% dalla propria attività, ma mai un solido 90-100%. Detto ciò, io rimango per la navigazione libera in orario di lavoro: “mettete dei fiori nei vostri cannoni e togliamo i filtri dai nostri firewall”.

    Piace a 1 persona

  10. Hadley ha detto:

    Io devo dire che la mia attuale titolare ha una marea di difetti, ma ha dei pregi enormi come dire per favore e grazie… Io non mi aspetto un tappeto rosso ma un grazie si. Che poi anch’io quando vado a casa la ringrazio, perché è grazie a lei se lavoro.
    Un altro pregio della mia titolare che si confronta con me, poi ovviamente prende lei le decisioni, ma dare diritto di parola secondo me è importante

    Piace a 2 people

    • Kikkakonekka ha detto:

      Diciamo che l’atteggiamento di chi funge da ‘capo’ è molto different nel caso di piccole realtà e grandi aziende. Io lavoro in una azienda con 130 dipendenti (direi medio-grande) e ti assicuro che i grazie dall’alto non arrivano praticamente mai. Tra colleghi pari grado, tuttavia, la collaborazione esiste ed i grazie non mancano.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...