La spettacolarizzazione del cibo

Non sentitevi offesi per questo mio pensiero, è solo una questione di cui volevo discutere.

Da alcuni anni a questa parte noto che il cibo viene un po’ troppo spettacolarizzato sia in televisione, con una scia infinita di programmi di cucina, sia nei social network, dove milioni di utenti trovano necessario fotografare i piatti con cui stanno per ingozzarsi.
Io credo nella mia vita di avere sempre avuto il massimo rispetto per il cibo, forse perché sin da ragazzo ho capito la fatica ed il costo per procurarselo.
Non eravamo poveri, ma la carne arrivava solo la domenica a pranzo e la pizza fatta in casa la domenica sera, pesce quasi mai. A fare da padrone il riso ed il latte, che comparivano a tavola con una frequenza che oggi sarebbe insopportabile. Pane e latte, riso in bianco, pane biscotto, insalata…

Oggigiorno io trovo di cattivo gusto parlare del cibo dandolo per “scontato”, proprio perché per me non lo è stato per anni.
E non mi piace in particolare, pur non essendo io vegetariano, vedere in TV la carne ed il pesce preparati e curati per essere cucinati, come se la provenienza fosse dall’orto sotto casa invece che da un essere vivente. Forse è un problema mio, non so.

Allo stesso modo non mi piacciono le foto con cui anche amici e parenti vogliono far sapere al mondo ciò che stanno per mangiare, c’è chi parla di “pornografia gastronomica”, termine secondo me esagerato ma che in qualche modo fa capire che ci sono altre persone che, come me, non gradiscono questa scelta di rendersi protagonisti attraverso il cibo.

Sì, perché alla fine il protagonista non è più il cibo, ma diviene il cuoco (o aspirante tale) che lo prepara, o chi lo sta per mangiare.

Banalizzare il cibo mi sembra il peggior modo per poterlo davvero apprezzare.


Scena inguardabile

Questa voce è stata pubblicata in blog life e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

38 risposte a La spettacolarizzazione del cibo

  1. Vittorio ha detto:

    a me piace cucinare e non ne faccio mistero. non mi piacciono i cuochi superstar, cioè quelli che in modo ultramediatico fanno vedere quanto sono bravi. ho giusto la foto del mio dito medio davanti a cracco a milano
    posto foto dei miei piatti su instagram perchè sono contento di me stesso e per fare girare le palle ai colleghi.
    cucinare è come fare l’amore: puoi essere rocco siffredi ma non sei capace di emozionare

    Piace a 1 persona

  2. Mi trovi d’accordo sul concetto di dover avere rispetto per il cibo. Sono s’accordo in realtà con molte cose che hai scritto.
    Vorrei aggiungere questo mio pensiero: cucinare male è un altro modo di non rispettare il cibo! Non mi riferisco certo a un esperimento casalingo mal riuscito, ma a certi cuochi (o che si spacciano per tali) che trattano male le materie prime, conservandole in modo non corretto, non preparandole con la dovuta cura, lasciandole invecchiare e scadere senza motivo. Purtroppo ce ne sono in giro di questi soggetti!

    Piace a 1 persona

  3. quarchedundepegi ha detto:

    Fa parte della globalizzazione imperante e del fatto che è sempre più necessario ingigantire e rendere complicate le cose semplici.
    S’è perso il cocetto di semplicità.
    BUONGIORNO.
    Quarc

    Piace a 1 persona

  4. dv8888 ha detto:

    Inguardabili quei programmi.

    Piace a 1 persona

  5. quarchedundepegi ha detto:

    Non posso dirti di più perché non guardo mai certi programmi.
    Buona giornata.
    Quarc

    Piace a 1 persona

  6. Enri1968 ha detto:

    Commento suggerendo di vedere il breve corto di Dennis Villeneuve (regista canadese di grande successo ma di estrema Bravura).
    Una rappresentazione grottesca del potere e del cibo.
    Per palati forti ma va “gustato” diciamo così.

    Piace a 1 persona

  7. noir622224124 ha detto:

    Rispetto x il cibo! Troppo inflazionato l’argomento non lo sopporto

    Piace a 2 people

  8. gaberricci ha detto:

    Sono d’accordo e anzi ne ho scritto anche io in passato, ti secca se ti linko qualche articolo?

    Piace a 1 persona

  9. Ehipenny ha detto:

    Probabilmente faccio parte di quelle che fotografano un bel piatto prima di mangiarlo, ma non lo pubblico quasi mai se non nei resoconti delle vacanze qui… credo sia perché il piatto è bello oltre che buono, quindi merita un ricordo concreto… ma sono d’accordo anche con ciò che dici, il cibo merita rispetto 🙂

    Piace a 1 persona

  10. Papillon ha detto:

    Una delle tante cose delle quali abbiamo perso il senso. Il senso si recupera solo con la difficoltà, basta aspettare, è solo questione di tempo.

    Piace a 1 persona

  11. Paola ha detto:

    Sono pienamente d’accordo! La spettacolarizzazione del cibo, e il mancato rispetto verso lo stesso, è una prova del gigantesco benessere di cui godiamo, anche se sembriamo non accorgercene. Anche le scelte gastronomiche, vendute come etiche (veganesimo ecc) stanno in piedi solo perchè si può mangiare tranquillamente e abbondantemente altro. Nel mio blog non posso essere così diretta, ma qui sì. Il cibo è un bene primario, non un giochetto con cui fare show e poi buttare tutto

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...