Il Bounty e le Isole Pitcairn. Parte 1 di 2: l’ammutinamento

Il Bounty era una nave mercantile della marina inglese, salpata da Spithead il 23 dicembre 1787 per raggiungere Tahiti (nell’Oceano Pacifico) e lì prelevare alcuni esemplari di albero del pane da trasportare nei Caraibi.

A causa delle pessime condizioni climatiche il Bounty non riuscì mai a superare Capo Horn (Sudamerica) ed il capitano, il ‘duro’ William Bligh, decise dunque di cambiare rotta e raggiungere Tahiti veleggiando a est passando sotto il Capo di Buona Speranza (Africa).
Il viaggio sembrò non finire mai, e quando finalmente la nave arrivò a Tahiti i marinai erano ormai esausti. Dovendo attendere per ben 5 mesi la maturazione degli alberi, la ciurma rimase a Tahiti il tempo sufficiente per stringere amicizia con i nativi, e lì immancabilmente nacquero anche molti ‘amori’ tra le belle tahitiane ed i muscolosi marinai.

Lasciare quelle isole paradisiache fu un vero smacco per i marinai, e il distacco non venne lenito dalla dura disciplina del comandante, al punto che una parte della ciurma si ammutinò abbandonando il comandante Bligh e i suoi fedelissimi in una scialuppa in mare aperto. Era il 28 aprile 1789.
Incredibilmente Bligh e i compagni di sventura si salvarono, raggiungendo stremati dopo quasi 50 giorni l’isola di Timor, in Indonesia.
Gli ammutinati, dal canto loro, capitanati dal ribelle Christian Fletcher fecero rotta a Tahiti per ricongiungersi con le bellissime donne dell’isola.

Ma Tahiti divenne un posto rischioso: l’isola poteva essere raggiunta da altre imbarcazioni della marina inglese. Vi rimasero solo pochi marinai mentre Fletcher con 8 marinai, 6 uomini Tahitiani 1 bambino e ben 18 donne ripartì verso una nuova destinazione.


L’ammutinamento


Le belle tahitiane

Questa voce è stata pubblicata in blog life e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

18 risposte a Il Bounty e le Isole Pitcairn. Parte 1 di 2: l’ammutinamento

  1. noir622224124 ha detto:

    Buondì

    Piace a 1 persona

  2. Sara Provasi ha detto:

    Che forte questa storia! C’è ancora gente che vive a pitcairn!

    Piace a 1 persona

  3. Harley ha detto:

    La vera storia del Bounty

    Piace a 1 persona

    • Kikkakonekka ha detto:

      Infatti.
      Io avevo un vago ricordo di un film di qualche decina d’anni fa, ma non mi ero mai messo a capire di quale vicenda si trattasse.
      Ora ho un po’ approfondito, certamente un’avventura che merita di essere ricordata.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...