Il Curta

Curt Herzstark era un ingegnere austriaco di origini ebraiche il cui padre era proprietario di una azienda dove venivano prodotte macchine per ufficio.
Durante la seconda guerra mondiale venne rinchiuso nel campo di concentramento di Buchenwald, e fu lì che ebbe l’idea di creare un calcolatore meccanico manuale per le quattro operazioni (somma, sottrazione, moltiplicazione, divisione).


Curt Herzstark (1902-1988)

Noto alle autorità del campo come genio dell’ingegneria, venne permesso a Curt di lavorare al progetto, che riuscì a completare nonostante le enormi privazioni cui fu sottoposto durante la prigionia.
Sopravvissuto al lager, il progetto (che venne chiamato Curta) prese forma tangibile grazie ad una azienda del Liechtenstein dal nome Contina Ltd Mauren.
Il primo modello del Curta vide la luce nel 1948 e fu posto in vendita ad un prezzo di 125 $.

Ma cos’era, com’era fatto e come funzionava il Curta?

Di forma cilindrica, grande come una mano, era dotato internamente di oltre 600 piccoli ma precisissimi ingranaggi.
Sulla parte esterna, tramite appositi cursori, venivano impostate le cifre da sommare (o sottrarre, moltiplicare, dividere) e tramite una manovella l’operazione aritmetica veniva eseguita esponendo il risultato in un totalizzatore.
Unica eccezione le divisioni, dove il risultato era esposto separando il “quoziente” dal “resto”.

Ne vennero prodotti fino al 1970 circa 140mila esemplari, di due tipi che differivano per il numero di cifre elaborabili.
Per circa 20 anni, dal 1960 al 1980, il Curta fu molto popolare nell’ambiente dei rally, dato che i “navigatori” potevano utilizzarlo con praticità per calcolare i tempi di guida senza dover distogliere troppo lo sguardo dalla strada, molto meglio di una calcolatrice elettronica.

Al giorno d’oggi, un Curta in condizioni buone/ottime viene venduto su Ebay a non meno di 1500 $.

Questa voce è stata pubblicata in blog life e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

19 risposte a Il Curta

  1. Vittorio ha detto:

    sono andato su youtube a vedere il video di questo oggetto. stupefacente come sia stato possibile realizzarlo in un campo di prigionia vista la sua complessità
    a scuola mi avevano insegnato ad usare il regolo a cursore. soppiantato dalle prime calcolatrici texas

    Piace a 1 persona

  2. Mio padre ne aveva uno di forma piatta.

    Piace a 1 persona

  3. ff0rt ha detto:

    Accidenti, mi hai fornito un nuovo oggetto del desiderio!

    Piace a 1 persona

  4. L’oggetto è davvero affascinante! credo che pensare alla sua creazione, occupare la mente in qualcosa di costruttivo, possa anche avere aiutato Curt a non impazzire in quell’inferno. Certo, i suoi carcerieri lo avranno tenuto in vita per tornaconto, ma intendo dire che lui ha “slavato” la sua geniale mente, in questo modo

    Piace a 1 persona

  5. Miss Elena ha detto:

    Riuscire nella situazione in cui si trovava 😱 sono stupefatta

    Piace a 1 persona

  6. Papillon ha detto:

    Semplicemente affascinante!

    Piace a 1 persona

  7. Nc ha detto:

    gli ingegneri vecchia scuola!!

    "Mi piace"

  8. Paola ha detto:

    Grazie, ovviamente non avevo nemmeno idea

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...