Il mio pranzo di Natale

Si avvicina il pranzo di Natale.
Da molti anni non lo sopporto più.

E’ usanza della mia “famiglia allargata” trovarsi tutti quanti insieme il 25 Dicembre, per farsi gli auguri e scambiarsi alcuni doni.
Io adoro la mia “famiglia allargata”, ma vi assicuro che è davvero molto complicato rimanere per ore ed ore seduti a tavola in più di 20 persone, con zii, cugini anche di 2° grado e nipotini vari.

Ma allora io mi sono detto: perché devo farmi venire un mal di testa atroce proprio il giorno di Natale?

Perciò da alcuni anni ho trovato la soluzione al pantagruelico pranzo di Natale alla presenza di 22 parenti, con cibo sufficiente ad un reggimento.
In cosa consiste la soluzione? Semplice: non ci vado.

Da alcuni anni ormai, nonostante le note di biasimo, arrivo verso le 16 dopo aver pranzato a casa con MDM (Mia Dolce Metà) e Figlio, senza essermi ingozzato e facendo tutto con maestosa calma.
Gli auguri li faccio lo stesso, lo scambio di doni avviene lo stesso, ma senza le indesiderate cefalee.

Questa voce è stata pubblicata in blog life, famiglia e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

50 risposte a Il mio pranzo di Natale

  1. Vittorio ha detto:

    ti faccio i miei complimenti. sono della tua stessa idea. se preferisci fare il pranzo di natale a casa con la tua famiglia, e solo tua, fai benissimo.
    di tempo per vedere parenti e parentini ce n’è in abbondanza.
    il mio pranzo di natale sarà a casa dei miei, solo noi tre. mia sorella e famiglia verrà nel pomeriggio a prendere il caffè
    nel periodo tra pranzo e visita dormirò 🙂

    Piace a 1 persona

    • Kikkakonekka ha detto:

      Il mio problema è più ampio ancora.
      Mi sveglio, colazione, messa, regali, tutto di corsa per raggiungere i parenti, e dopo ci sono SEMPRE i soliti ritardatari (mio fratello per primo) che ci costringono ad iniziare il pranzo alle 14:00 ed anche dopo. Ed io lì da 2 ore a sistemare, preparare, con una fame da lupo.
      E a me girano gli zebedei: perché devo correre come un matto a Natale e poi dover aspettare i ritardatari? Perché farmi venire il mal di testa?
      E allora… arrivo alle 17:00, calmo, pranzo a casa (anche una semplice minestrina a me va più che bene), e non mi girano gli zebedei e non mi viene il mal di testa.
      Soffrire a Natale? No, grazie.

      "Mi piace"

  2. Io evito quello che riesco a evitare. Fai bene, poi con i ritardatari (nel mio caso alle 14,30) mi si rintorta tutto.

    Piace a 1 persona

  3. noir622224124 ha detto:

    Noi siamo in pochi e la cosa fa x me non ho mai fatto Natale dunque a casa mia sanno che x me è argomento delicato. Noi e suoceri. Stop.

    Piace a 1 persona

  4. Miss Elena ha detto:

    Oddio quanto ti capisco, io non riesco ancora a staccarmi da questa consuetudine
    Come vorrei che il Natale fosse relax e non obblighi…

    Piace a 1 persona

  5. SaraTricoli ha detto:

    Forse perché io non ho più tutto questo… ma leggendo le tue parole mi sono sentita immensamente triste…
    Un giorno all’anno non è un grande sacrificio… io non so cosa darei per tornare agli anni in cui le persone a tavola non riuscivo nemmeno a contarle😊 quando mi sentivo circondata da amore, quando il Natale era veramente l’occasione dove ci si poteva vedere, dove tutti mettevano da parte i loro impegni per stare in famiglia… non darlo per scontato!
    Era bello quando sembrava veramente che tutti ci volessimo bene… e forse all’ora era veramente così… chi lo sa 😅

    Piace a 1 persona

    • Kikkakonekka ha detto:

      Ciao Sara.
      Sappi che io adoro le tavolate infinite, le urla dei bambini e dei cuginetti, il problema che tutto va bene in dosi moderate, non per 12 ore!
      Arrivare a metà pomeriggio mi permette di gestire meglio il mio tempo senza fretta, e poi dalle 16 fino a sera i parenti li trovo comunque!
      In pratica, invece di stare lì pranzo pomeriggio e cena, io faccio solo pomeriggio e cena.

      La vera-verità è che da quando non c’è più mia madre, tutto questo ha un po’ perso di significato (almeno per me), perché era lei che organizzava tutto.

      Piace a 1 persona

  6. annaecamilla ha detto:

    Perfetta soluzione, eccellente. Io avrei fatto lo stesso!!! 😘

    Piace a 1 persona

  7. Sara Provasi ha detto:

    Fai bene! 😀 Anche a me mette ansia il natale e il pranzo di natale! °_° E il capodanno, il ferragosto, la pasqua… xD

    Piace a 1 persona

  8. indianalakota ha detto:

    Come sai noi festeggiamo Yule la notte del Solstizio e per me non è una festa qualsiasi ma un profondo momento di spiritualità e condivisione con il Tutto. Come tutte le nostre feste. Poi c’è la parte cristiana della mia famiglia (compresa quella del marito) con cui si pranza molto volentieri a Natale nel rispetto di tutti. Ogni anno si festeggia a casa di qualcuno,tanto siamo rimasti in pochi,ma io seduta non ci sto praticamente mai:c’è sempre la scusa dei bambini,dei cani,poi se sono da altri aiuto a sparecchiare e a servire. Tieni conto che non riuscivo a stare seduta per troppo tempo nemmeno a scuola! E non ci riesco nemmeno adesso….ma dall’altra parte della cattedra é diverso e ci si può alzare e girare senza doversi giustificare con nessuno

    "Mi piace"

  9. Giuliana ha detto:

    Bene, quest’anno anche io ho deciso così, io, mia figlia e la Banda Bassotti. Lasagne, arrosto e patatine, dolcetti e doni. Mio marito è liberissimo di andare dalla sua famiglia.

    Piace a 1 persona

  10. Nc ha detto:

    Ottimo. Non è semplice accettare di prendersi tutti gli improperi del caso provenienti da parenti.Hai tutta la mia ammirazione.

    Piace a 1 persona

  11. Paola ha detto:

    Detesto le costrizioni, non impongo nulla a nessuno, in casa mia si va e si viene a piacere e solo se con piacere

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...