La festa è finita

“The Party’s Over” è il titolo del primo album dei Talk Talk, gruppo pop inglese famoso negli anni ’80.
In Italia iniziarono ad avere successo qualche anno dopo, ed io li conobbi grazie ad un compagno di classe che un giorno venne a scuola con una maglietta della band.

Li avevo già ascoltati, senza farci troppo caso, ma vedendo anche i loro video musicali iniziai ad apprezzarli di più.
I Talk Talk, così come i Tears For Fears di cui ho parlato stamattina, hanno segnato il periodo musicale più vitale e colorato della mia vita, gli anni ’80. Una band per certi versi anomala, che non amava troppo i riflettori, una sorta di timidezza comunicativa ereditata dal leader della band, il cantante Mark Hollis.
Mi è sempre stato simpatico, perché oltre che bravo aveva una caratteristica fisica che condividevo con lui: le orecchie a sventola.

Anche se le mie sono meno a sventola delle sue (per fortuna!).

Il gruppo ebbe vita intensa, ma relativamente breve. Si sciolsero nel 1991, dopo aver partorito successi clamorosi come “It’s My Life”, “Such a Shame” o “Life’s What You Make It”.
Mark Hollis tentò timidamente una carriera solista, ma dopo un solo disco disse “d’ora in poi mi dedico alla famiglia”. E così fece.

Ci lascia a soli 64 anni di età, silenziosamente. E nel silenzio io lo ringrazio.

Questa voce è stata pubblicata in blog life, musica e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

16 risposte a La festa è finita

  1. Vittorio ha detto:

    quando vidi il video di its my life mi colpirono le orecchie e il sorriso sghembo che lo faceva assomigliare a giorgio, un mio amico dell’epoca

    Piace a 1 persona

  2. laurettafilippi ha detto:

    Non li conosco, ma dopo provo ad ascoltarli😊

    Piace a 1 persona

  3. giusymar ha detto:

    Quanto mi piacevano…
    Non riesco a stare fermo quando li sento, nonostante ormai di tempo ne sia passato…
    Davvero… what a shame!

    Piace a 1 persona

  4. francescodicastri ha detto:

    Baby, life’s what you make it
    Celebrate it
    Anticipate it
    Yesterday’s faded
    Nothing can change it
    Life’s what you make it

    Piace a 1 persona

  5. 🤣🤣🤣 le orecchie a sventola non andavano enfatizzate Andrea, oltretutto non era mica tutto sto gran Figone! Sicuramente piaceva esteticamente come artisticamente 😉

    Piace a 1 persona

  6. Harley ha detto:

    https://www.youtube.com/watch?v=5ixRWvrkUHo questo pezzo mi ricorda l’estate del 1984…ascoltavo i Talk Talk dal mio walkman in spiaggia.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...