Racconti brevi: “La Sagra”

Prese Lucia per mano e la trascinò all’interno della pista da ballo. Era tempo di sagra, ed un gruppo musicale stava eseguendo una festante mazurka per la gioia di decine di coppie di nonni.
Marco e Lucia si disinteressarono della differenza d’età e gioiosi come solo due sedicenni sanno essere si abbracciarono al centro della pista e, noncuranti degli sguardi del paese, iniziarono a ballare.
Marco ad un certo punto prese coraggio e la baciò

una pioggia di coriandoli colorati scese sulla pista, le nuvole si scostarono per lasciar spazio alla luna, i fiori sbocciarono, le rose emanarono il loro profumo, i getti della fontana crearono un arcobaleno luminoso, le campane suonarono, i bimbi sorrisero, l’acqua del fiume rallentò il proprio corso, i cani in lontananza smisero di abbaiare, i nonni sospirarono, i fuochi artificiali esplosero nel cielo

tutto questo nei cinque secondi del loro primo bacio.

Questa voce è stata pubblicata in Racconti brevi e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

25 risposte a Racconti brevi: “La Sagra”

  1. Vittorio ha detto:

    quando si svegliarono si chiesero perchè mai avevano deciso di finire la bottiglia di vodka

    Piace a 1 persona

  2. francescodicastri ha detto:

    Bellissima immagine. Hai colto meravigliosamente quella specie di elettricità che si crea in quegli istanti

    Piace a 1 persona

  3. silvia ha detto:

    Mica giusto però….io tutte quelle cose non le ho sentite 😛

    Piace a 1 persona

  4. vittynablog ha detto:

    Che meravigliosa magia è l’amore!!! Io ancora, dopo tanti anni, mi sento di stare a mezz’aria quando sono col mio lui ❤

    Piace a 1 persona

  5. vittynablog ha detto:

    l’hai descritto benissimo, ed è tutto vero!!!! 🙂

    Piace a 1 persona

  6. gaberricci ha detto:

    Conosci la canzone “Anna e Marco” di Lucio Dalla?

    Piace a 1 persona

    • Kikkakonekka ha detto:

      No, a dire il vero no.
      Analogie?

      "Mi piace"

      • gaberricci ha detto:

        Mi ci ha fatto pensare:-). Ascoltala. È una canzone bellissima.

        Piace a 1 persona

        • Kikkakonekka ha detto:

          Intanto ho letto il testo, davvero molto bello.
          Il primo tenersi per mano di due ragazzi, sono lieto che ci possa essere una lontana somiglianza con le mie righe.

          Ti dirò, la mia ispirazione nasce da una canzone del 2003 dei “Pet Shop Boys”, intitolata “Miracles”, dove in una frase si dice che “i fiori profumano più intensamente quando ci sei tu”, o qualcosa di simile.
          Da qui la mia idea che la natura, di fronte alla bellezza o di fronte ad un avvenimento (nel mio caso “il primo bacio”) omaggiasse i ragazzi con qualcosa di inatteso.
          Una ispirazione presa alla lontana, dunque.

          "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...