I gatti della mia vita

Tutto iniziò con Birillo.
Salvai questo gattino di poche settimane di vita mentre stava affogando nel fosso vicino a casa. Lo adottammo ed io mi innamorai di lui e dei gatti in generale.
Quando prematuramente morì, io piansi per una settimana. Ho sempre una foto di Birillo accanto a me in camera da letto.
Grazie a Birillo, ed alla mia amica Francesca, capii il mondo felino, ed iniziai ad avere un occhio di riguardo per tutti i gatti che conoscevo.

Si può vivere senza gatti, ma con loro la vita è molto più bella.

Ecco una carrellata, in ordine alfabetico, di tutti i gatti con cui ho avuto a che fare nella mia vita.

Amelie

Gattina delle mie cugine. Una vera principessa, delicata nei movimenti e molto riservata nei rapporti con le persone.
Bianca candida, potrebbe vincere qualsiasi concorso di bellezza felina.

Aslan

Gatto di Denise, mia vicina di casa. E’ di razza, ma non so quale essa sia.
Aslan è il padrone incontrastato del quartiere, si intrufola ovunque con fare regale, e con regalità rimane indifferente a rumori e situazioni che spaventerebbero qualsiasi altro felino. E’ di dimensioni immense, e si avvicina ad ogni umano senza alcuna paura.
Se lo chiami, come un cagnolino si avvicina e ti fa le feste.

Ban

Gatto di mio fratello. Lo adoro, e lui sembra ricambiare. Come un salmone, mi salta in braccio senza problemi se lo chiamo con le mani protese.
Lo accudisco ogni volta che mio fratello è in ferie o ha qualche impedimento.
Ban è buonissimo, tranquillo, e si lascia amorevolmente “torturare” da Cristina, la figlia di 3 anni di mio fratello, che gioca con lui come se Ban fosse un bambolotto.

Birillo

Non mi dilungo. E’ stato il mio primo gattino, l’ho amato come non mai, ed ho scritto su di lui molto spesso negli anni scorsi.
La sua morte prematura mi ha spezzato il cuore, io credo nel Paradiso e credo che potrò accarezzarlo nuovamente.

Clash

Il mio gatto, di cui parlo spesso nel blog. L’ho adottato da una associazione che accudisce gatti maltrattati, lo abbiamo curato con pazienza ed amore. Ci ha messo spesso in apprensione, perché di natura è un combinaguai. Ha preso il posto di Birillo, e la sua presenza in casa per me è essenziale.

Ginger

La gattina della mia amica Francesca (Francesca è mancata un anno e mezzo fa), ora adottata da sua figlia che abita tuttavia molto lontano da Padova.
Ogni tanto la figlia mi manda una foto di Ginger, perché sa quanto fossi affezionato a questa micetta.

Giulio

Anche Giulio abitava con Francesca. Era vecchio e malato, ed io quando andavo a trovare Francesca (quasi ogni giorno) dedicavo sempre alcuni minuti a Giulio, che ormai negli ultimi tempi non riusciva nemmeno più a muoversi.
Come me lo aspettassi, l’ultima volta che lo vidi rimasi abbracciato con lui per lunghi minuti. Gli parlai, piansi mentre lo accarezzavo, avevo capito che era l’ultima volta che lo avrei visto.
Giulio morì la mattina dopo, e Francesca – la mia amica – lo raggiunse in Paradiso 2 giorni dopo.

Grigetta

Grigetta è una dei gatti randagi che Francesca accudiva. Ogni giorno porto acqua e crocchette a lei ed a Selvaggio, ma Grigetta spesso scompare e non la si vede per settimane. Poi riappare, ma rimane diffidente e non si fa avvicinare.
A volte quando mi vede sembra che abbia voglia di farsi accarezzare, ma poi cambia sempre idea e se ne va.

Micia

Micia è la gattina di Marco, un altro mio vicino di casa.
E’ anziana, Marco dice abbia 18 anni già compiuti, si muove poco e lentamente, e per motivi ignoti non entra mai in casa. E’ di dimensioni minuscole (il rapporto con Aslan – il gatto visto prima – è di 6:1), leggerissima da tenere in braccio, e miagola in modo molto tenue che fai fatica a sentire.

Selvaggio

Selvaggio è un altro gatto randagio che era accudito da Francesca. Lui non si faceva avvicinare neppure da lei, pur apprezzando riparo, acqua e cibo.
Ha uno sguardo sempre corrucciato, quasi arrabbiato con il mondo intero, tuttavia è abbastanza sedentario e rimane sempre in zona (al contrario di Grigetta che capita di non vederla per settimane).

Tommy

Tommy è morto di vecchiaia alcuni anni fa, abitava con Antonio, un anziano signore anch’egli mio vicino di casa.
Tommy era intelligentissimo ed educatissimo. Conosceva a memoria l’intero quartiere, e quando voleva tornare a casa riusciva a esprimersi con dei miagolii che apparivano come dei veri e propri discorsi.
Mitico quando si posizionava davanti alla porta di casa e, non riuscendo a suonare il campanello, miagolava davanti alla porta per chiamare Antonio, affinché lo facesse entrare.

Zorro

Zorro abita dai vicini di casa di mio fratello, e fa di tutto per farsi notare. Si avvicina agli umani senza alcun imbarazzo, ed inizia dei veri monologhi miagolando per minuti interi, come se stesse recitando una lunga poesia.
Alcuni anni fa, con mio fratello in vacanza, ebbi un problema alla serratura di casa sua e, nell’attesa dell’arrivo del fabbro, Zorro mi fece compagnia per 2 intere ore, praticamente miagolando senza interruzione.

Questa voce è stata pubblicata in blog life e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

36 risposte a I gatti della mia vita

  1. Ma Francesca era una gattara? Che storia, prima Giulio e poi lei! Almeno non si sono separati x lungo tempo! 😊

    Piace a 1 persona

  2. Vittorio ha detto:

    una bella carrellata di gatti

    Piace a 1 persona

  3. tramedipensieri ha detto:

    Che bellezza questi gatti…ma Amelie è quella che mi piace di più: tenerissima 🙂

    Piace a 1 persona

  4. Giuliana ha detto:

    Che belle storie! ❤

    Piace a 1 persona

  5. Misteryously ha detto:

    Che belli

    Piace a 1 persona

  6. La Grazia ha detto:

    I gatti del mio giardino hanno chiuso a quattro mandate dopo aver letto questo 🐈

    "Mi piace"

  7. Sephiroth ha detto:

    Bellissimi. Da ottobre scorso ho adottato Sula e Minù!! Due piccolissime gattine, rimaste orfane. Le hanno volute chiamare così a casa. 😊

    Piace a 1 persona

  8. Che belli 😀
    Ne ho avuti diversi anche io e ne ho tutt’ora. Potrei fare un post quasi quasi.
    È vero, migliorano le giornate. 😻

    "Mi piace"

  9. francescodicastri ha detto:

    Miao. Proprio oggi in una mensa aziendale ho chiesto lo spezzatino chiamandolo kit&kat 😁

    Piace a 1 persona

  10. Paola Bortolani ha detto:

    Dici che dovrei prendere un gatto? Magari così gli avanzi li do a lui …

    Piace a 1 persona

  11. Sara Provasi ha detto:

    Che meraviglia, uno dei post più belli mai letti!
    Traspare come vuoi loro bene, e loro a te ❤
    Sono tutti stupendi… ban che salta come un salmone è fantastico 😀
    Mi dispiace per i gatti della tua amica, ma tra te e sua figlia sono in buone mani.
    PS: clash, fai il bravo!

    Piace a 1 persona

  12. mizan ha detto:

    beautiful

    "Mi piace"

  13. Pingback: Amelie sta meglio | Non sono ipocondriaco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...