I rischi del telegrafo

Lo sviluppo della tecnologia legata ad internet ha modificato profondamente le relazioni tra le persone.
Gli incontri hanno iniziato ad essere “virtuali” e non più legati alla vicinanza fisica tra di noi, i “social” hanno fatto sorgere comunità dove le persone entrano in comunicazione nonostante la lontananza fisica tra loro.
Meglio o peggio?
Dipende.
Chi ha problemi fisici o limitazioni di vario tipo, ne ha sicuramente tratto giovamento.
Ma di certo lo stare “realmente” insieme, e guardarsi negli occhi, ha tutto un altro sapore.

Il rischio che la tecnologia prendesse il sopravvento, ed iniziasse a limitare le relazioni tra le persone, venne candidamente espresso nel 1906 (più di un secolo fa) dalla rivista “Punch”, che pubblicò questa vignetta dedicata alla novità di quell’anno, il “telegrafo wireless”.

In essa si vedono due persone, un uomo ed una donna, che pur stando vicini si ignorano.

“La donna sta ricevendo un messaggio d’amore.
L’uomo sta ricevendo i risultati delle corse di cavalli.”

Così vicini, così lontani.
Era il 1906.
Non è forse vero che adesso ci si ignora, pur stando vicini, perché il nostro sguardo è attratto dal cellulare?

Questa voce è stata pubblicata in blog life e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

24 risposte a I rischi del telegrafo

  1. Ho visto una serie televisiva ambientata in Canada inglese fine 800 in cui si chattava col telegrafo.

    Piace a 1 persona

  2. Vittorio ha detto:

    se di fianco a me si siede una bella gnocca lo sguardo dal cellulare lo sposto molto volentieri

    Piace a 2 people

  3. Il vignettista vedeva mooolto avanti.

    Piace a 2 people

  4. Alessandro Gianesini ha detto:

    #Visionarietà! 😀

    Piace a 1 persona

  5. Sephiroth ha detto:

    Niente continuo a preferire i culi al cellulare!! 😂😜

    Piace a 1 persona

  6. La Grazia ha detto:

    Mio padre spedì due cartoline quando faceva il militare.
    Strano rileggere frasi secche tipo saluti da La Spezia oppure sono stato a Venezia. Mia nonna sapeva leggere ed era una rarità eppure credo non abbia apprezzato tanto che le cartoline mio padre se le era riprese subito. Nel libro la Grazia le mamme non solo devono trovare la Grazia di parlare con i figli ma dopo cercare anche qualcuno nel computer perché a seconda di ciò che emerge con i figli potrebbero aver bisogno di specialisti
    E sei il primo a cui l’ho scritto
    Una volta esistevano le community adesso è più un io io io ad esempio dove è la piazza agora di WordPress ? Non il reader
    Lo scorso anno notai che molte donne che erano rimaste in contatto su Facebook tutto l’inverno dopo questa comunicazione muta avevano bisogno di parlarsi sulla riva a vice molto alta forse non se ne accorgevano
    E io pensai dopo il mutismo del web ……

    Piace a 1 persona

  7. Paola ha detto:

    Buongiorno Andrew

    Piace a 1 persona

  8. quarchedundepegi ha detto:

    La storia si ripete?… con qualche cambiamento.
    Buon Pomeriggio.
    Quarc

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...