Essere indispensabili

“I cimiteri sono pieni di persone indispensabili”
Georges Clémenceau

E’ insito nella nostra natura umana credere che la nostra esistenza sia importante.
Ed infatti lo è.
Non solo come fine ultimo di dare continuità al genere umano, ma anche per dare il nostro piccolo contributo al miglioramento del mondo in cui viviamo.
Lo miglioriamo facendo al meglio il nostro lavoro, imparando, rispettando, insegnando.

E’ tuttavia evidente che alcune persone, durante la loro vita, sia siano particolarmente distinte nel loro campo d’azione, al punto da ritenere “indispensabili” sia loro, che le loro opere, le loro ricerche, le loro scoperte ed invenzioni.
Quanto vorremmo fossero ancora vivi Leonardo da Vinci, Sabin, Galileo, Tesla, Einstein, Curie, Mozart, Turing, Levi Montalcini, Dante, Shakespeare, Hack…
Eppure stiamo vivendo bene anche senza di loro, o forse proprio “grazie” a loro.
Ma il mondo va avanti.

Ci saranno in futuro nuovi Botticelli, Bach, Callas, Archimede, Hawking, Woolf?
Credo di sì.
Magari capiremo la loro grandezza “dopo” molti anni.
Ma per quanto grandi saranno questi personaggi, anche loro prima o poi spiccheranno il volo.
Ed il mondo andrà avanti lo stesso.

Questa voce è stata pubblicata in blog life e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

15 risposte a Essere indispensabili

  1. Qualcuno può essere importante per qualcun altro. Qualcuno può esserlo per una più ampia moltitudine. Molti altri però non hanno alcun impatto in alcunché. Ma va bene così, la malattia del protagonismo purtroppo si è amplificata con l’avvento dei social. Occorre molta più umiltà.

    Piace a 1 persona

  2. Vittorio ha detto:

    se fossero tutti ancora vivi sai che litigate farebbero tra di loro?
    un archimede che discute con newton sulla centralità della terra nell’universo
    un einstein e hawking che di scutono di orizzonte degli eventi
    michelangel, leonardo e caravaggio che si disputano il garzone di bottega efebico

    Piace a 1 persona

  3. La Grazia ha detto:

    sul libro ikigai ci sono righe vuote in cui viene chiesto di dare risposte
    i miei pregi nessuno, i miei amici nessuno, l’ unica cosa che metto ricorrente è la grazia
    quel libro mi sta torturando, forse stasera lo finisco

    Piace a 1 persona

  4. Massi Tosto ha detto:

    Già rispettare gli altri è una cosa enorme , non solo in ambito familiare , ma in generale , questo manca molto . Gli affetti sono indispensabili e anche quando volano via rimangono nei ricordi , nel cuore e nella mente

    Piace a 1 persona

  5. kutukamus ha detto:

    Quite true. No matter how great a man is, he/she is just a piece of the Puzzle—like the rest of us. 🙂 And thanks for that quote by Georges Clémenceau, never heard of it before. 🍸

    Piace a 1 persona

  6. Sephiroth ha detto:

    Delicato e vero. 😊

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...