Padova. Post 1 di 5: Elena Lucrezia Cornaro Piscopia

Questa settimana i miei ‘post’ verranno dedicati a Padova, la mia città.

La città e l’ateneo di Padova possono con orgoglio presentare colei che fu la prima donna laureata in Italia e nel mondo.
Si tratta di Elena Lucrezia Cornaro Piscopia la quale, nata nel 1646, era figlia illegittima del nobile Giovanni Battista Cornaro, a quel tempo procuratore di San Marco, e della popolana Zanetta Boni.
Solamente al compimento del 18° anno il padre, con l’esborso di 100mila ducati, poté “riscattarla” dal rango popolare e, riconoscendola, farla entrare nel rango della nobiltà.

Elena Lucrezia sin da bambina aveva dimostrato di avere, al pari di una vocazione di stampo religioso, anche una spiccata predisposizione allo studio.
Il padre, per stimolarne la curiosità e l’intelligenza, la fece seguire da alcuni dei migliori insegnanti del tempo, ed Elena Lucrezia studiò teologia, accrebbe la propria cultura musicale, ed imparò il Greco ed il Latino, arrivando a studiare anche la lingua ebraica.
Diventata nel frattempo “oblata benedettina”, Elena Lucrezia nel 1677 chiese di poter studiare teologia all’Università, scelta che venne osteggiata aspramente dal cardinale Gregorio Barbarigo il quale, nella veste di “cancelliere” dell’Università, le negò l’iscrizione ritenendo inopportuno che una donna potesse diventare dottoressa in Teologia.
Il cardinale, tuttavià, acconsentì affinche Elena Lucrezia potesse iscriversi nella facoltà di Filosofia, dove si laureò il il 25 giugno 1678, prima donna a laurearsi in Italia e nel mondo.

Elena Lucrezia, tuttavia, condusse una vita sfortunata.
Esibita quasi come “fenomeno da baraccone” (una donna che disquisiva di filosofia e teologia in latino!), era diventata debole e malaticcia anche a causa delle privazioni ascetiche cui lei si sottoponeva di proposito, e morì di cancrena nel 1684, a soli 38 anni, venendo sepolta nella Basilica di Santa Giustina.
Solamente nel 1732 si sarebbe laureata in Italia un’altra donna, Laura Bassi.

Nel Cortile Antico di Palazzo Bo’ (storica sede universitaria nel centro di Padova) possiamo oggi trovare la statua raffigurante Elena Lucrezia Cornaro Piscopia, prima donna laureata al mondo e simbolo di emancipazione femminile.


Ritratto di Elena Lucrezia Cornaro Piscopia


La statua a lei dedicata

Questa voce è stata pubblicata in blog life, storia e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

14 risposte a Padova. Post 1 di 5: Elena Lucrezia Cornaro Piscopia

  1. Non lo sapevo. Grazie per questo interessante articolo!

    Piace a 1 persona

  2. Sephiroth ha detto:

    Non ci sono mai stato a Padova. Mi organizzerò. Credo sia una bella città. 😊

    "Mi piace"

  3. Vittorio ha detto:

    Con un nome così lungo avrà adottato un diminutivo di sicuro

    Piace a 1 persona

  4. vittynablog ha detto:

    Una donna veramente avanti per quei tempi. Dobbiamo dire grazie anche a lei se oggi siamo quello che siamo. Bella storia, grazie!!!

    Piace a 1 persona

  5. gaberricci ha detto:

    Che storia triste…

    Piace a 1 persona

  6. Paola Bortolani ha detto:

    C’è una targa che la celebra anche a Venezia. In realtà non è stata un’apripista, ma mantiene un primato di valore (per il quale, purtroppo e come spesso succede, ha avuto l’aiuto di un uomo). Padova è una città bellissima e spero di tornare a visitarla e di conoscere uno dei suoi più illustri cittadini, Kikkakonekka 🙂

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...