Frasi venete #15: “Cassa peota”

La “cassa peota” è una istituzione veneta che ha origini molto antiche.
Il suo scopo è quello di raccogliere delle piccole quote di risparmio settimanale fra i soci (generalmente parrocchiani o amici fidati) e concedere dei piccoli prestiti alla parrocchia o ai soci che si impegnano a restituire la somma prestata entro la chiusura dell’anno con interessi molto bassi (di norma inferiori ai tassi bancari). Alla fine dell’anno gli utili della gestione vengono spesi in beneficenza o nella cena conviviale di fine anno.

L’origine del termine è incerta.

“Peota” potrebbe derivare da “pilota” o capitano della nave a cui i marinai (a cui era consentito di fare piccoli commerci in proprio) affidavano il loro capitale.
Il capitano o pilota della nave a richiesta restituiva quanto affidatogli o poteva fare dei prestiti ad altri membri dell’equipaggio. Alla fine del viaggio venivano spartiti gli eventuali interessi raccolti. Da qui “cassa pelota” o “cassa del pilota”.

Ma la tesi più accreditata per l’origine del termine è un’altra, legata ad una imbarcazione chiamata proprio “peota”.
I “garanghelli” erano delle gite in barca fatte risalendo i fiumi sulle “peote”, imbarcazioni ben agghindiate e spesso destinate ai nobili ma specialmente alle nobili veneziane.
Le popolane potevano al massimo fare questa gita una volta all’anno, e per finanziare il costo della barca si rivolgevano appunto ad una “cassa peota” che funzionava in questo modo: durante l’anno, talora di nascosto, le donne facevano piccoli versamenti ma poi, in caso di bisogno (malattie improvvise, figlie incinte, piccoli capricci) chiedevano piccoli prestiti che poi restituivano a rate con piccoli interessi. A fine anno, con questi interessi, si potevano finanziare i “garanghelli”. Il tutto quasi sempre all’insaputa del marito.

Certo è che questa specie di “banca dei poveri” col tempo fu spesso usata con altri scopi, divenendo talvolta quasi una vera e propria banca non autorizzata e non “vigilata”.
Molti, nel tempo, sono stati i cassieri che hanno tradito la fiducia dei soci risparmiatori scappando con l’intera cassa, spesso molto ricca data la partecipazione di centinaia di finanziatori con versamenti settimanali.
Proprio per questo motivo, la “casse peote” oggi devono sottostare a precise regolamentazioni e rispettare direttive di natura europea e nazionale.

Questa voce è stata pubblicata in blog life e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

18 risposte a Frasi venete #15: “Cassa peota”

  1. Ricordo quando studiai storia economica che appunto le casse di risparmio iniziarono negli ambienti religiosi.

    Piace a 1 persona

  2. Nonna Pitilla ha detto:

    ma che interesssante, non sapevo proprio di questa cosa! grazie

    Piace a 1 persona

  3. vittynablog ha detto:

    Interessante e ingegnoso questo metodo per aiutare le persone in difficoltà.

    Piace a 1 persona

  4. Passare da te c’è sempre qualcosa da scoprire….ciao Andrea, buona serata

    Piace a 1 persona

  5. Vittorio ha detto:

    alla cassa “beota” è meglio non affidare i propri risparmi
    colgo l’occasione per avvertirti che ti ho inviato una mail

    Piace a 1 persona

  6. tramedipensieri ha detto:

    Un bel modo per essere aiuto, comunità… grazie
    ben ritrovato 🙂

    Piace a 1 persona

  7. Paola Bortolani ha detto:

    Il sistema era diffuso, ma bello leggere i dettagli locali

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...