Nuovo notebook

A casa utilizzo il computer portatile principalmente per questi motivi:
60% gestione ed aggiornamento dei miei 2 siti musicali
15% wordpress
5% documenti familiari (bollette, conto corrente, vacanze, spese varie)
5% aggiornamento dischi (ho una ampia raccolta di dischi, che di tanto in tanto verifico, modifico, integro)
5% informazione
5% fantacalcio (i maschietti mi capiranno certamente)
5% cazzeggio (non gioco con il computer, non seguo i social, non mi piace in generale perdere tempo)

Per tutte queste attività il mio “vecchio” notebook mi è sempre bastato.
Pur basandosi sull’ormai superato Sistema Operativo “Windows Vista” non ho mai sentito il bisogno di sostituirlo con un nuovo, nonostante alcuni problemi alla batteria (autonomia ormai ridotta a soli 5 minuti in caso di mancanza di corrente) ed alla ventola di raffreddamento.
Non ho mai avuto necessità, almeno per i motivi per cui lo uso, di programmi aggiornatissimi, dato che mi sono sempre arrangiato con softwares pur datati
ma affidabili.

Però la settimana scorsa mi si è rotta la “scheda Wi-Fi”, ed il Notebook non si connette più ad internet.
Questo, in effetti, è un vero problema.
Potrei aggiustarlo, ma che senso avrebbe spendere soldi per un notebook di circa 12 anni fa pieno di magagne?

Per cui ho deciso di comperare un nuovo notebook, molto più moderno, affidabile e veloce.
Certo: lui è veloce.
Io invece ho rallentato.
Quanto primo facevo in un batter d’occhio, ora mi capita di farlo con tempi molto più lunghi.
Non tanto perché io non conosca il sistema operativo (Windows 10 lo uso abitualmente anche al lavoro), quanto perché avevo certe “abitudini” nell’uso dei programmi, che ora devo drasticamente modificare, anche perché alcuni programmi li ho dovuti necessariamente cambiare perché non più compatibili con il nuovo Sistema Operativo.

Poco male, piano piano ce la farò ad acquisire la stessa dimestichezza e la stessa velocità che avevo prima, almeno lo spero: perché in alcune operazioni, cronometro alla mano, il tempo mi si è quadruplicato (mi riferisco alla fase di aggiornamento dei miei siti musicali).

Questa voce è stata pubblicata in blog life e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

22 risposte a Nuovo notebook

  1. tramedipensieri ha detto:

    Ogni volta e ricominciare…eh si, con tempo si rallenta assai

    Piace a 1 persona

  2. Trasferisci il vecchio notebook sul nuovo con la virtualizzazione, così non perdi i vecchi programmi.

    Piace a 1 persona

    • Kikkakonekka ha detto:

      Ci sto pensando.
      Ad ogni modo la mia limitazione riguarda la tastiera, che è leggermente diversa nella disposizione di alcuni tasti, pertanto sono costretto a “guardarla” per trovare il tasto appropriato.
      Riguardo il programma di grafica che utilizzavo, sto imparando ad usare quello “nuovo” (Paint.NET, open source) ma ovviamente anche lì sono rallentato.
      Poche cose, ma si sommano.
      Prevedo un mesetto prima di rimettermi in linea con i tempi.

      "Mi piace"

      • Se hai voglia di perderci tempo, c’è un progetto low-cost con Arduino per costruire una mini tastiera USB, così puoi “esternalizzare” gli hotkeys che ti interessano.
        Il progettista la usa per Zoom, ma credo sia facilmente riprogrammabile.

        Piace a 1 persona

        • Kikkakonekka ha detto:

          Grazie per la segnalazione.
          Ad ogni modo ho anche la tastiera USB a casa, ma preferisco abituarmi manualmente alla ricerca dei tasti, perché tutto diventerebbe più semplice.
          Cavolo, anche i pulsanti “><" che prima avevo a sinistra, ora li ho a destra.
          Io scrivo parecchio in HTML e mi devo abituare anche a questo. Al momento devo sempre guardare la tastiera per trovarli…
          🙂

          "Mi piace"

  3. Nonna Pitilla ha detto:

    è vero ricominciare si fa sempre fatica!

    Piace a 1 persona

  4. wwayne ha detto:

    Io invece uso il mio computer al 45% per WordPress, al 45% per il mio lavoro e al 10% per guardare video su Youtube.
    Quando parlo di 45% della navigazione dedicato a WordPress includo anche il tempo passato su Facebook, perché uso quel social solo ed esclusivamente per promuovere il mio blog. Cerco di individuare quali sono i gruppi chiusi più frequentati, chiedo di essere ammesso e una volta entrato comincio a spammare il mio blog a tutto spiano. La maggior parte degli amministratori se ne accorge, reagisce con un astio assolutamente sproporzionato alla situazione e mi sbatte fuori dal gruppo chiuso dopo avermi preso a male parole; poi per fortuna capita anche qualche amministratore più tollerante, che mi lascia fare perché capisce che spammando il mio blog non faccio male a nessuno.
    L’80% delle mie visualizzazioni lo ottengo in questo modo. Questo significa che, se un domani dovessi essere sbattuto fuori da tutti i gruppi chiusi contemporaneamente, le visualizzazioni del mio blog colerebbero a picco dalla sera alla mattina. Tra l’altro mi è già successo a Dicembre 2017, e per tutto il 2018 non sono più riuscito a scovare dei gruppi chiusi che mi potessero garantire un buon numero di clic. Poi per fortuna a Gennaio 2019 ne ho scoperto qualcuno, e da allora le mie visualizzazioni hanno ricominciato a salire.
    Tu mi dirai: ma dato che WordPress non sgancia un centesimo manco se un tuo post fa 10.000 visualizzazioni, che ti frega di quanti clic ottieni? Ebbene, ti dirò che lo faccio soprattutto per far conoscere i film di cui parlo, perché spesso sono dei capolavori ingiustamente finiti nel dimenticatoio. Ad esempio, “Anime sporche” è un film che nessuno si ricorda più, ma la mia recensione di quel film (http://wwayne.wordpress.com/2019/06/01/in-viaggio-verso-te/) ha ottenuto ad oggi 18.761 visualizzazioni: se anche solo un lettore su cento è poi andato a comprare il dvd, questo significa che ho fatto vedere un capolavoro a 187 persone, e questa per me è una gratificazione immensa.

    Piace a 1 persona

    • Kikkakonekka ha detto:

      Sei molto caparbio, ed ammiro la tua determinazione.
      Io sono più “sportivo” riguardo il blog, sia perché non è strettamente tematico, sia perché sono già soddisfatto nello “scrivere”, quasi che le visualizzazioni siano un “di più”. Mi fa ovviamente piacere avere i clic, ma meglio meno clic con la certezza che l’articolo sia stato letto, che i clic ed i like dati con leggerezza, senza leggere con attenzione, o non leggendo per nulla.

      "Mi piace"

      • wwayne ha detto:

        Ah, su questo sono totalmente d’accordo con te. E infatti mi importa dei clic, ma mi importa molto di più dei commenti: sia perché provano meglio di qualsiasi altro dato che quel post è stato letto e apprezzato, sia perché il confronto con gli altri bloggers è il lato più bello di WordPress. Grazie mille per i complimenti e per la risposta! 🙂

        Piace a 1 persona

  5. Sephiroth ha detto:

    Te sei il genio dei computer!! 😉

    Piace a 1 persona

  6. Sara Provasi ha detto:

    Anch’io ci archivio la musica! E oltre alle altre cose ci guardo film e serie che non ho l’accesso alla tv! Vedrai che in poco tempo ti abitui! Io dovrei cambiare smartphone ma aspetto proprio perché non mi piace settare e dovermi abituare 😅

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...