Il momento un po’ troppo giusto

Dovendo pagare la TARSU sono andato in pausa pranzo alle ore 13:00 presso l’ufficio postale adiacente al mio ufficio, trovandolo strapieno. Già i giorni scorsi avevo tentato l’arrembaggio, desistendo per manifesto pienone.
Stavolta invece ho preso il numero e sono andato a farmi una passeggiata, per non rimanere in mezzo a tutta quella gente.
Sono andato al bar a mangiarmi un toast ed a bere un bicchiere d’acqua, ho fatto due chiacchere con una collega, e poi alle 13:33 sono tornato all’ufficio postale.
Trovandolo chiuso.
Mi spiego meglio: dentro c’era ancora gente, ma la porta d’entrata era bloccata e non mi era permesso l’accesso. Sapendo che l’orario di chiusura (teorico) è fissato alle 13:35 mi sono sentito preso in giro. Ma come? Avete già chiuso?
Ho gesticolato verso un impiegato postale, il quale ha fatto finta di non vedermi. Poi furbescamente ho atteso l’uscita di una signora e mi sono intrufolato.
Tra l’altro toccava al numero 145, il mio, e mi sono diretto senza indugio verso lo sportello n° 4.
Non l’avessi mai fatto:
– siamo chiusi >>> ero qui alle 13:33, voi avete bloccato la porta in anticipo
– lei mi è passato davanti >>> avevo preso il numero molto prima di lei e poi mi sono fatto un giro, mi spiace
– non si può prendersi un numero e poi andare dove si vuole >>> perché, c’è un regolamento che lo vieta? C’è chi sta dentro a giocare ad Angry Birds, chi va su WhatsApp, io mi sono fatto una passeggiata
– lei vuole fare il furbo >>> guardi che il numero mica me lo sono stampato, l’ho regolarmente preso mezz’ora fa
Nel frattempo l’impiegato mi aveva già elaborato la delega F24, ed ho pagato.
Ho chiesto scusa all’impiegato stesso se avevo provocato imbarazzo, dicendo che non era mia intenzione.
In fondo, erano stati loro a chiudere le porte prime del previsto, io sapevo che dopo le 13:35 ci sarebbero stati problemi.
Capisco lo sconcerto di chi stava ad aspettare, ma che colpa ne avevo io se, appena entrato, toccava proprio al numero 145?

Questa voce è stata pubblicata in blog life e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Il momento un po’ troppo giusto

  1. Alessandra ha detto:

    Questo post mi ricorda il mio medico.
    L’orario di chiusura del suo ambulatorio è alle 19 e lui comincia a sbirciare fuori dalla porta alle 18…
    Alle 18.30 chiude a chiave il portone e chi è dentro è dentro e chi è fuori si arrangia…e per una come me che esce dall’ufficio a quell’ora e impossibile arrivare in tempo…mica è giusto però
    Se decide un orario di chiusura lo deve rispettare e spesso mi fa incacchiare!!

    "Mi piace"

  2. Erik ha detto:

    Io veramente non capisco la gente, come riesca a complicarsi la vita e giocarsi il fegato per cose così idiote…. detto questo concordo con il fastidio di Ale… esiste un orario??? lo si deve rispettare… senza se e senza ma…. non è solo un concetto di professionalità ma anche di rispetto.. cosa fondamentale in un rapporto tra due persone qualsiasi….

    secondo me non devi perderci più di due secondi dietro a questa storia… non hai fatto nulla di male ne di sbagliato…

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...