Vacanze 2014 dalla A alla Z. Parte 1 di 5

Ho passato le vacanze a Marina di Carrara, nella parte settentrionale della Toscana al confine con la Liguria. Ci sono stati momenti belli ed alcuni anche di imbarazzo, ma tutto sommato è stato un bel periodo durante il quale sono riuscito a rilassarmi ed a godermi l’ambiente.
Anche quest’anno a grande richiesta rendo partecipi i lettori del blog riassumendo i momenti topici della mia vacanza.

Acquario di Genova
Non ha bisogno di presentazioni. In un giorno di maltempo ho preso l’auto ed in circa 80 minuti ho raggiunto Genova. Altri 30 minuti sono serviti per trovare un parcheggio, dato che alcune migliaia di persone avevano avuto la mia stessa idea.
Per essere bello, lo è.
Per essere grandioso, lo è.
Però, e questo vale specialmente per i pesci di grosse dimensioni, la sensazione è di trovarsi
di fronte ad uno zoo acquatico, con i pesci costretti in vasche sempre troppo piccole per potersi sentire davvero liberi.
Forse i pinguini, gli squali, i delfini starebbero meglio a casa loro che non di fronte ad esseri umani interessati solo a scattar foto per poterle pubblicare sul web.

Alberghi
Arriviamo all’albergo e in circa 30 minuti ci accorgiamo di aver preso una topica allucinante. Le foto viste in internet ci hanno sviato, e ci accorgiamo di aver compiuto una scelta clamorosamente errata. I commenti negativi su Tripadvisor sono recentissimi e al momento della prenotazione ancora non erano stati pubblicati.
La prima sera restiamo lì, il giorno dopo piove ed andiamo all’acquario di Genova e la sera rientriamo in albergo. Dopo cena percorro a piedi il paese in cerca di un nuovo albergo e la mattina dopo traslochiamo.
Il secondo albergo è bellissimo e conseguentemente assai costoso, ma il cambio fuori programma ne è valso la pena.

Ambulanti
Pensavo che il record di un venditore ambulante ogni 5 minuti ottenuto nella riviera romagnola fosse imbattibile.
Mi sbagliavo.
A Marina di Carrara passa un ambulante ogni 2 minuti, con ogni tipo di mercanzia: cappellini, bolle di sapone, occhiali, orologi, racchette da spiaggia, ciabattine, giocattolini, abiti da donna, anellini, braccialetti, tatuaggi, massaggi, anche semplici questuanti che non vendono nulla ma ti chiedono una moneta.
Imbarazzante, in particolare per la insopportabile frequenza con la quale ti ritrovavi a dover respigere questi assalti.

Questa voce è stata pubblicata in blog life e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Vacanze 2014 dalla A alla Z. Parte 1 di 5

  1. Erik ha detto:

    Intanto bentornato!!!! …. 🙂

    "Mi piace"

  2. kikkakonekka ha detto:

    Eccomi Erik, nuovamente attivo anche a livello di Blog!
    Tu, le tue Ferie?

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...